Reato di fuga

Reato di fuga

 

Sébastien è un ragazzo con i genitori separati, che non riescono a stare del tempo insieme e spesso il figlio diventa motivo di discussione. In questo romanzo è lui a raccontarci la sua vita in prima persona. Dall’altra parte troviamo Loïc, al quale viene narrata la vita da un personaggio esterno. Loìc si ritrova a dover andare con sua madre ad una cena da degli amici; arrivati a destinazione, la madre parcheggia e esce… e un grande frastuono segue all’uscita della madre dall’auto…
Libro scritto in prima persona e in seconda, che riesce a far pensare e riflettere. Veramente bello secondo tutti i punti di vista, collegato anche alla nostra vita quotidiana perché sono molte le vittime di incidenti stradali causati da pirati della strada. Leggere per riflettere.
Cristophe Léon, Reato di fuga, Roma,Sinnos, 2015; pp.153

Alessandro Donatone
Classe 2D – Scuola Secondaria di 1° grado “Puccini” di Firenze

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it