ambiente

La Thailandia chiude l’isola di Koh Tachai

Thailandia isola di Koh TachaiRoma – La Thailandia, ha deciso di chiudere a tempo indeterminato una delle sue isole, nel tentativo di bloccare l’impatto negativo del turismo sull’ambiente. L’isola di Koh Tachai, fa parte del Similan National Park ed è conosciuta per le sue splendide spiagge e barriere coralline.

In Thailandia, la maggioranza dei parchi nazionali marini chiude durante la stagione dei monsoni, ossia da metà Maggio e metà Ottobre. L’isola di Tachai invece, secondo quanto riportato dal Bangkok Post, non riaprirà il 15 ottobre di quest’anno. “Grazie alla sua straordinaria bellezza Koh Tachai è diventata un luogo molto visitato, sia da turisti stranieri che da Thailandesi.

Questo però, ha portato sfortunatamente ad una eccessiva popolazione e alla degradazione delle risorse naturali circostanti,” ha detto Tunya Netithammakul, direttore generale del Department of National Parks, Wildlife and Plants Conservation. “Abbiamo dovuto chiudere l’isola prima che fosse troppo tardi, per permettere la riabilitazione della natura sia sull’isola che nel mare, senza essere disturbata dalle attività derivanti dal turismo,” ha aggiunto.

Gli esperti, hanno detto che le spiagge dell’isola possono ospitare fino ad un massimo di 70 persone, ma i numeri che venivano raggiunti erano solitamente di 1000 persone, tralasciando gli stand gastronomici e le varie gite in barca. Dopo che la Autorità Turistica Thailandese, ha scoperto 14 compagnie che vendevano ancora gite verso l’isola dopo la decisione della sua chiusura, i turisti sono stati messi in guardia.

Fonte www.independent.co.uk