Inaugurata oggi, nel Parco Scuola del Traffico dell’Eur ‘La Settimana della Sicurezza Stradale’

Roma – Una settimana di corsi gratuiti, teorici e pratici, di educazione e sicurezza stradale per gli alunni delle classi primarie di Roma.  ‘La Settimana della Sicurezza Stradale’ inaugurata oggi nel Parco Scuola del Traffico dell’Eur, da oltre 50 anni attivo nel campo dell’educazione stradale per bambini e ragazzi, promossa da TotalErg e patrocinata da Roma Capitale, l’iniziativa che coinvolgerà una decina di istituti romani e circa 400 studenti delle scuole primarie della capitale.

Alla conferenza stampa sono intervenuti Paolo Andreucci, pilota di rally nove volte campione italiano, Luigi Di Matteo dell’Area Professionale Tecnica di ACI e Massimo Fanelli, Comandante Polizia Locale Eur Roma Capitale e Luigi Durante, Funzionario della Scuola del Corpo di Polizia locale di Roma. La settimana prevede una serie di attività e corsi per i futuri conducenti e pedoni, con sessioni formative in aula e pratiche su pista tenute dagli istruttori del Parco Scuola del Traffico. Gli alunni delle varie classi potranno partecipare ad un divertente corso di formazione che li vedrà impegnati, secondo l’età, con diverse attività su pista a bordo di minivetture con motori a scoppio.

“TotalErg da due anni partecipa sponsorizzando La settimana della sicurezza stradale – dichiara Sebastiano Gallitelli, direttore Rete di TotalErg, a margine della conferenza stampa di presentazione della Settimana della Sicurezza stradale. Questo impegno da parte di TotalErg deriva soprattutto perché crediamo nella sicurezza, in modo particolare nella sicurezza stradale data la particolare attività che noi svolgiamo. Siamo presenti sul territorio con circa 2600 impianti quindi il legame della nostra attività con la strada e quindi con il mondo dell’auto è molto stretto. Poi perché abbiamo una forza commerciale che ogni giorno è per strada e in macchina e quindi il tema della sicurezza per strada è fondamentale. Oggi per TotalErg ma per tutte le aziende i costi in termini sociali nonché l’impatto economico degli incidenti non sono più sostenibili e per questo invece riteniamo sia necessario investire soprattutto in formazione. E per farlo abbiamo deciso di investire sui giovanissimi che saranno gli automobilisti del futuro.”

“In città l’attenzione è la cosa principale specialmente in mezzo al traffico – dichiara Paolo Andreucci, nove volte campione italiano di rally all’agenzia di stampa Dire a margine della conferenza stampa”.  “È chiaro che se aumenti la velocità aumentano i rischi e di conseguenza deve aumentare la velocità e l’attenzione. Nelle strade con meno traffico, specialmente quelle fuori città bisogna stare molto attenti perché la velocità a volte con cui si affrontano le curve non è spesso adeguata alle condizioni meteo che mutano l’aderenza col terreno, specialmente con la pioggia. Se amate il rally esistono scuole professionali che potranno avviarvi alla carriera di piloti. I veri campioni però sono quelli che rispettano la vita attenendosi al codice della strada e guidando sempre in sicurezza.”