attualita

Fedez vs Matteo Salvini: la battaglia continua per colpa di un dito medio

ROMA – Tra Fedez e Matteo Salvini non corre buon sangue, ormai è risaputo. L’ultima puntata della loro battaglia a colpi di tweet e post su Facebook comprende un dito medio che il rapper milanese rivolge al politico nel videoclip di “Vorrei ma non posto”, il singolo in collaborazione con J-Ax. Quello che si candida ad essere il tormentone dell’estate, tra l’altro è stato scelto come colonna sonora del prossimo spot Algida. Scoperte tutte le carte in tavola, a costruire il siparietto quasi comico c’è voluto poco.

“Fedez mi dedica un dito medio e un verso della sua nuova canzone, spot per l’estate del cornetto Algida (marchio della multinazionale Unilever). Bella! Però io quest’estate mangerò solo cornetti Sammontana, Sanson e di altri produttori ITALIANI!”, ha scritto Salvini sul suo account Facebook. In breve è arrivata la risposta divertita e ironica di Fedez: “Avvisate subito il New York Times! Salvini asserisce che mangerà solo gelati Sammontana. Dichiarazioni forti!”.

salvini-fedez

Il video di “Vorrei ma non posto”, intanto, continua a conquistare visualizzazioni su visualizzazioni. A poco più di due settimane dalla pubblicazione, il video ha superato i 12 milioni di visite. Di certo il post di Salvini ha contribuito alla notorietà del pezzo e del videoclip. Risultati opposti a quelli desiderati.

fedez tweet

 

Il brano è firmato da Fedez, J-Ax e Davide Petrella e prodotto dalla coppia Takagi & Ketra (rispettivamente Alessandro Merli e Fabio Clemente). Quest’ultimi già alla regia di “21 grammi” e “Beautiful Disaster” del rapper milanese ma anche di brani tormentoni della scorsa estate, tra cui “Roma – Bangkok” di Baby K e Giusy Ferreri. “Vorrei ma non posto” gioca sulla mania tutta italiana di condividere qualsiasi evento della vita quotidiana, anche e soprattutto i più insignificanti, sui social network, senza quasi più riuscire ad apprezzare ciò che ci accade. Il singolo è stato il più ascoltato e acquistato nella prima settimana di uscita secondo FIMI. Un primo posto con successo da record che resiste anche questa settimana. Sarà contento Matteo Salvini.