spettacolo

Cannes, Iggy Pop irriverente alla presentazione di “Gimme Danger”

ROMA – È un Iggy Pop commosso e allo stesso tempo irriverente quello che si è presentato a Cannes per la presentazione di “Gimme Danger”, il film fuori concorso del regista Jim Jarmusch. “Gimme Danger” racconta la storia di Iggy Pop e degli Stooges e soprattutto del pericoloso viaggio di Iggy nel mondo degli acidi, delle droghe e dell’LSD. Anche il titolo è ispirato alla band essendo lo stesso di una delle canzoni più famose della rock band. Il film, però, non nasce con l’intento di essere un documentario sulla vita di Iggy e dei componenti degli Stooges. È più “una lettera d’amore alla più grande band – o quasi – della storia rock”, ha confessato Jarmusch in conferenza stampa. Per il regista è quindi un omaggio alla musica che ha ascoltato durante la sua crescita: “Iggy Pop per me è una figura tra Harpo Marx e Arthur Rimbaud, Bruce Lee e il ballerino Nižinskij. Insieme agli MC5 e ai Velvet Underground, gli Stooges sono il gruppo che da teenager mi ha dato forza, la musica che ha accompagnato i miei ideali e i pianti di quando guardavo, sullo schermo di una tv in bianco e nero, i ragazzi che protestavano contro la guerra in Vietnam. Alcuni gruppi non erano schierati politicamente, ma erano rivoluzionari nella musica”.

iggy pop

Ci sono voluti quattro anni di lavorazione per ottenere il prodotto finale di “Gimme Danger”. Quattro anni in cui, Jamusch e il suo staff hanno ricercato filmati inediti della rock band. Quello che è stato trovato, però, è anche merito di Iggy: “Io sono uno che non butta via niente, ma so che altra gente lo fa, perciò ho aiutato Jim a ritrovare pezzi della storia mia e degli Stooges. Ho rintracciato fan, spacciatori di droga e alcol. Che cosa ho provato vedendo il risultato finale? Mi sono sentito un prodotto degli anni 60, acidi compresi. Il tempo è volato da allora”.

iggy pop 2

Per Iggy deve essere stato particolarmente emozionante vedere il risultato finale e ripercorrere tutta la sua vita grazie alla pellicola: “Ho visto il film per la prima volta stanotte: tutta la mia vita è passata davanti ai miei occhi e ho detto Cristo ho combinato tutto questo? – ha commentato senza peli sulla lingua Iggy – Ora non voglio essere cool, non voglio essere alternativo, non voglio essere punk rock, voglio solo essere”.

Sul red carpet di Canne, Iggy è stato fedele alla sua anima rock e maledetta presentandosi con un completo blu e a torso nudo. Se l’apparenza non è cambiata, Iggy – 69 anni – ha confessato di aver cambiato stile di vita e detto addio alla droga: “Non so neppure come sono sopravvissuto a tutto quello che ho ingerito” racconta. “Sono rinato imparando a prendere la vita in modo più easy: oggi bevo solo del buon vino e, concerti a parte, vado a letto presto. Nessuno dovrebbe prendere droghe, neppure l’erba che a volte porta a scelte più pesanti”.