tech

Tim Cook: l’Iphone esisteva già nel 1670

iphone 1670ROMA – Una delle poche certezze della vita che crolla in un momento. Se fino a poco tempo fa credevate che l’Iphone fosse stato inventato da Steve Jobs nel lontano 2007, dovrete ricredervi. Il famoso melafonino sarebbe esistito già nel 1670. A rivelarlo è stato Tim Cook, l’amministratore delegato di Apple, che, nei giorni scorsi, ha fatto la scioccante scoperta. Ovviamente non si tratta di un vero iphone ma di un qualcosa che, per la forma, ci somiglia molto. Da qui lo scherzo in diretta allo Start Up Fest Europe, un festival internazionale dedicato agli startupper e agli investitori, in cui Cook è intervenuto. Intervistato, così, da Neelie Kroes, ex Commissario Europeo per l’agenda digitale, ha raccontato di come si è accorto della cosa.

L’antenato dell’iphone sarebbe stato avvistato da Cook nel quadro “Uomo con una lettera a una donna nell’ingresso di una casa” di Pieter de Hooch, che, però, lui attribuisce sbagliando a Rembrandt. Nel quadro in questione si vede una donna sorreggere un oggetto che ricorda molto il prodotto di Cupertino, ma che, in realtà, è una lettera. È forse la postura con cui l’uomo tiene la lettera a dare l’impressione che tenga in mano un iphone.

“Credevo di sapere dove fosse stato inventato iPhone, ma ieri sera mi hanno portato a guardare dei quadri di Rembrandt e una di quelle tele mi ha scioccato. C’era un iPhone in uno dei dipinti! – ha scherzato Cook – Si vede poco ma vi giuro che c’è. Ho sempre pensato di sapere dove fosse stato inventato iPhone, ma ora non ne sono più tanto sicuro”.

Pieter de Hooch nasce a Rotterdam nel 1629 e molte sue opere ricordano lo stile di Rembrandt per ambientazione e scelta dei colori, per questo motivo Tim Cook, probabilmente, ha scambiato i due pittori.

Nel video al minuto 1.34 è possibile vedere lo scherzo di Cook: