fotogallery

Allarme Calabroni killer: cosa sono e perché spaventano

ROMA – Arriva la bella stagione, e con essa sole, caldo, mare e… punture di insetti.
Se le zanzare creano fastidi, quello che desta preoccupazione in milioni di persone sono api, vespe e calabroni.
9 italiani su 10 almeno una volta nella vita vengono punti da un imenottero, specie in estate, mentre fino 8 su 100 possono sviluppare una vera e propria reazione allergica.
Negli ultimi mesi, inoltre, è uscito alla ribalta sulla cronaca nazionale l’allarme “calabroni killer” in Italia.
La Vespa Velutina è una specie di imenottero originaria del sud-est asiatico, la cui sottospecie nigrithorax è stata accidentalmente introdotta nella zona meridionale della Francia, e da li si è diffusa in Spagna, Portogallo, Belgio fino a giungere in Italia.

vespa velutina calabroni killerLe vespe in sè non sono ben viste e aggiungendo il soprannome popolare “calabrone killer” la vespa Velutina potrebbe veramente essere eletta incubo di questa estate.
La vespa Velutina è pericolosa per l’uomo quanto una comune vespa europea, sebbene la sua puntura sia molto dolorosa e il suo veleno, molto rischioso per i soggetti allergici, può portare crisi allergiche anche letali per l’uomo.

Eppure, a temere non dovrebbe essere l’uomo: in realtà ad essere in pericolo mortale sono le api.
La specie non ha nemici naturali e preda le api, di cui si nutre, mettendone a rischio la popolazione già in calo in Europa.

Vespa velutina

La vespa Velutina a causa delle sue dimensioni è spesso confusa con la Vespa mandarinia, il vero calabrone killer.
Il calabrone gigante asiatico o Vespa mandarinia ha le dimensione di un pollice, ed è noto per le punture altamente tossiche.
Punture multiple possono essere mortali per gli esseri umani senza cure mediche immediate e possono portare a shock anafilattico e insufficienza renale.
La sua puntura è stata descritta “come un chiodo rovente conficcato nella carne”.
l calabrone gigante asiatico, come dice il nome, è localizzato in Asia, in particolare Giappone e Cina.
Nel 2013 alcune province cinesi furono vittime delln’invasione di questi killer, con un bollettino di 28 morti.
Questi calabroni killer iniettano tramite il grande pungiglione una tossina composta da otto sostanze chimiche che provocano uno shock allergico negli esseri umani.

Lo scorso anno si sospettò che almeno 6 persone fossero morte in Francia in seguito alla puntura dell’insetto.
Tuttavia le segnalazioni sono state attribuite proprio alla Vespa velutina.