attualita

Sei mila persone nude a Bogotà per Spencer Tunick

ROMA – Spencer Tunick colpisce ancora. Il fotografo, noto per le sue foto di persone nude sugli sfondi delle città urbane più famose del mondo, ha riunito più di 6,000 persone (6,132 per la precisione) a Bogotà per un nuovo scatto. È così che, nonostante il freddo, i modelli si sono raccolti nella piazza principale della città colombiana dove si trovano le principali istituzioni pubbliche: il Parlamento, il Comune, la Corte Suprema e la Cattedrale.

tunick

Tanti i motivi che hanno spinto questo numero di persone a partecipare all’impresa. Alcuni l’hanno fatto per conoscere nuove persone, altri per porsi in contrasto con la politica colombiana eccessivamente conservatrice. Tutti, però, hanno aderito all’intento del fotografo: trasmettere un “messaggio di uguaglianza, pace e unità” in un Paese che è dilaniato dai conflitti armati da circa mezzo secolo. Questo l’obiettivo sempre in mente a Tunick che è riuscito a convogliare le persone in piazza sin dalle prime ore del mattino. Le foto che sono state realizzate saranno esposte al Museo di Arte Moderna di Bogotà.

Spencer Tunick nasce a New York nel 1967. Nel 1992 comincia a fotografare persone nude e da quel momento non ha fatto altro che suscitare stupore, a volte in senso negativo. Nel 1994, infatti, viene arrestato al Rockfeller Centre di Manhattan poiché in compagnia di una modella completamente nuda. Questo “intoppo” non ferma, però, la sua opera. Nel 2003, riesce a raccogliere 7,000 persone a Barcellona ma il record vero arriva nel 2007 quando, a Città del Messico, si sono riunite più di 18,000 persone. Chiuso il servizio fotografico di Bogotà, il prossimo appuntamento è previsto per Luglio a Cleveland. Chiunque può partecipare, in quanto i modelli sono tutti volontari, compilando il modulo online che si può trovare sul sito di Spencer Tunick (www.spencertunick.com).