Zuppini: “Per la robotica didattica utilizziamo dei kit della Lego che consentono di realizzare delle vere e proprie macchine intelligenti”

Roma – “Per la robotica didattica utilizziamo dei kit della Lego che consentono di realizzare delle vere e proprie macchine intelligenti che permettono di interagire con l’ambiente – racconta all’Agenzia di stampa Dire, Alberto Zuppini, responsabile laboratorio di robotica dell’Istituto Tecnico Industriale Luigi di Savoia – Ad esempio il sensore di parcheggio installato nelle automobili si può replicare con questi modelli, grazie a questo piccolo computer installato sopra che collegato a dei sensori permette di rilevare parametri ambientali: riconosce lo spazio, evitando di cadere o riuscendo a seguire un tracciato, riconosce il colore, calcola la distanza. Grazie a questo tipo di strumenti si possono avere milioni di combinazioni, possono essere smontati e rimontati per altre esigenze, questo stimola molto la creatività dei ragazzi, riuscendo a coinvolgere trasversalmente molte discipline: dall’elettronica all’informatica, passando per la programmazione e la meccanica. E’ un settore multidisciplinare – conclude Zuppini – e trasversale a tutte le materie, infatti possono essere usati anche per replicare alcuni fenomeni fisici o chimici.”