attualita

Pokémon Go e il cadavere scoperto grazie alla realtà virtuale

 

pokémon go cadavereROMA – Giocare attraverso la realtà virtuale può essere divertente ma non sempre. Lo sa bene Shayla Wiggins, una diciannovenne statunitense  che, nei giorni scorsi, ha trovato un cadavere giocando a Pokémon Go. Impossibile da credere ma è successo veramente.

Shayla, residente a  Riverton nel Wyoming, era uscita di casa per passare qualche ora spensierata. Alla ricerca di un pokémon acquatico, la ragazza si è così spostata verso il fiume della città dove la “caccia” si è conclusa in maniera inaspettata. È lì, infatti, che ha fatto il ritrovamento. In acqua il cadavere che galleggiava in superficie, impossibile da non vedere. Shayla ha, così, chiamato il 911 e ha aspettato l’arrivo dei soccorsi.

“Ho saltato la staccionata per avvicinarmi a un Pokémon localizzato e arrivata al fiume ho visto qualcosa galleggiare sull’acqua. Solo in un secondo momento mi sono accorta che quello fosse un cadavere”.

La polizia non sa bene da quante ore potesse trovarsi lì ma dalle prime indagini sembra che la vittima fosse nel luogo del ritrovamento da meno di 24 ore. Si sospetta una morte per annegamento. Niente di certo però, le indagini e l’autopsia diranno la verità su quanto accaduto.

La realtà virtuale di Pokémon Go

Pokémon Go è il gioco mobile di realtà aumentata di Nintendo e Niantic Labs, disponibile per iOS e Android ma non in Italia. Bisognerà aspettare il 15 luglio per il rilascio europeo. Al momento sembra possano iniziare ad immergersi nel mondo dei Pokémon solo Australia e Nuova Zelanda. Tutti gli altri possono scaricare il file APK (a questo link), aprirlo e installarlo. Non è la versione completa ma è già qualcosa. È quello che avrà pensato anche Shayla che ha scaricato il gioco per poter acchiappare – nel vero senso della parola – i piccoli Pokémon.

“Non perdere tempo, mettiti le scarpe, esci ed esplora il mondo. I Pokémon sono là fuori: devi trovarli. Mentre ti aggiri per il vicinato, il tuo smartphone vibra quando c’è un Pokémon nelle vicinanze. Prendi la mira e lancia una Poké Ball… Stai attento o potrebbe scapparti!”

Questo quello che si può leggere sul Play Store e App Store. Pokémon Go è, quindi, un invito a uscire dalle mura di casa propria ed esplorare il mondo, mixando la realtà vera con quella virtuale. grazie alla fotocamera del proprio smartphone. Sicuramente un passo in avanti rispetto ai vecchi giochi che prevedevano “l’azione” solo davanti a uno schermo, comodamente seduti su un divano. Nintendo e Niantic Labs, però, sicuramente non avevano messo in conto l’eventualità di potersi imbattere in un cadavere.