Guardo il mare

Guardo il mare

 

Ho solo una pagina bianca
e mille parole per la mente.
Ed ho anche un solo cuore
e mille veloci battiti persi
per te.
Se solo tu sapessi
le canzoni d’amore che ho scritto,
veliero solitario
sospeso tra le onde
più agitate dei tuoi occhi
blu.
Sei l’Oceano,
mi travolgi
come un fiume di parole
con il tuo sguardo,
più deciso di mille punti
ma delicato quanto una virgola.
E straccerei questo foglio
come un corallo
distrutto dalle onde,
e infranto nella sua profondità.
Penso al mare, alle parole,
a ciò che amo di più.
E ammetto che io
penso pure a te.
Volto più candido
di quanto lo era questa pagina.
Mi leggerai mai?
Martina Lucaccini
Classe 5E – Liceo Scientifico “Galileo” di Firenze

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it