pokemon go

Basta Pokémon! “Bloccali tutti” con Google Chrome

pokemon go appROMA – L’invasione di Pokémon sembra inarrestabile.
Sul web non si parla altro, gli amici non parlano d’altro: i mostriciattoli tascabili stanno prendendo il controllo del mondo!
Se siete tra quelli che si sono stancati di Pikachu, Squirtle e tutto ciò che riguarda il nuovo gioco di Nintendo, Pokémon GO, Google ha la soluzione per te.
Sono disponibili diverse estensioni per Chrome in grado di bloccare tutti, ma proprio tutti, i contenuti web sui Pokémon.

PokéGone – Bloccali tutti

Il primo si chiama PokéGone – Bloccali tutti, e consente di attivare un vero e proprio filtro anti- Pokémon.
Una volta attivato, ogni pagina contenente come parola chiave Pokémon sarà rimossa dalla vostra vista.

Semplice e immediato, il filtro per bloccare tutti i Pokémon è ricercabile nel Chrome webstore.
Una volta individuato, bisogna cliccare sul tasto “Aggiungi”.

pokegone google chrome

Seguiti questi semplici passaggi, sarete finalmente liberi dall’orda di Pokémon sul web.
Invece, per gli amici non c’è rimedio.

Pokemon NO! Pokemon Blocker

Un altro filtro da provare è chiamato Pokemon NO! Pokemon Blocker.
L’idea è più o meno la stessa di PokéGone: rimuovere tutti i riferimenti di Pokemon da Chrome.
Questo filtro, comunque, censura solo la menzione del gioco, lasciando il resto della pagina intatto.

Pokemon Go Away

Un altro filtro anti-Pokemon è Pokemon Go Away e bandisce tutti i riferimenti sui Pokemon da Facebook e Twitter.
il che, forse, di tutte le estensioni è quella migliore.
Pensate a tutte le volte che i vostri amici hanno condiviso la loro gioia nell’aver catturato Charmander o chi per lui nel bagno di casa…

Pokémon GO quando esce in Italia?

Se invece non vedete l’ora di avere tra le mani la versione ufficiale di Pokémon Go – al momento è disponibile solo l’APK – sappiate che l’attesa sta per finire.
Disponibile dal 13 luglio in Germania, l’app di Niantic Lab e Nintendo dovrebbe arrivare il 15 luglio anche in Italia, dopo i test sui server.

E dopo l’Europa seguirà l’Asia.