tech

Apple, una serie tv in cantiere prodotta da Will I Am

apple una serie tvROMA – Apple e una serie tv sulle app. È questo il nuovo progetto della società di Cupertino da sempre impegnata a superare i propri confini e i propri limiti. A rivelarlo il New York Times attraverso cui è stato rivelato qualche dettaglio.

Si chiamerà “Planets of Apps” e da oggi sono partiti i casting per trovare gli sviluppatori che vorranno partecipare al programma. Dalle prime indiscrezioni è emerso che la serie sarà totalmente unscripted. Nessun copione predefinito come in un reality. Gli sviluppatori guideranno lo svolgimento delle puntate in base alle loro competenze e al loro sapere. Le riprese dovrebbero partire agli inizi del 2017.  La serie verrà distribuita su piattaforma tvOS  e sarà raggiungibile dai possessori di Apple TV. Non è in programma, al momento, una distribuzione gratuita in altre piattaforme.

Apple una serie tv non serie tv sul talento prodotta da Will I Am

“Planets of App” vanterà anche una grossa produzione: quella di Will I Am. Apple è, infatti, al lavoro insieme alla società del super produttore e rapper. Nella squadra anche due nomi altisonanti della televisione: Ben Silverman e Howard Owens.

“I produttori esecutivi Will I Am, Ben Silverman e Howard Owens si sono uniti per una serie senza copione sul mondo delle app e delle persone di successo che creano innovazione.  – hanno fatto sapere da Apple – Stanno cercando degli sviluppatori con una visione in grado di modellare il futuro, risolvere problemi reali e ispirare il cambiamento all’interno delle nostre vite quotidiane”.

apple una serie tv

“Possiamo davvero raccontare le loro storie mentre scopriamo lo sviluppo, la creazione e l’incubazione delle app”, ha aggiunto Silverman.

Una serie tv in senso lato quindi sulle persone vincenti e di talento. Apple scommette sul merito e lo fa con 10 milioni di dollari, cifra che andrà al vincitore assoluto della competizione per poter sviluppare le sue idee. La società, però, scommette anche su qualcosa di nuovo. L’obiettivo è proprio quello di accrescere la sua presenza nell’ambito di contenuti originali. La sfida a piattaforme come Netflix è ufficialmente aperta.