spettacolo

Niente sequel per Jeeg Robot, lo conferma Gabriele Mainetti

niente sequel per jeeg robotROMA – Niente sequel per Jeeg Robot. Lo conferma il regista Gabriele Mainetti smentendo le voci che erano circolate negli ultimi giorni.

“Ho iniziato a lavorarci 6 anni fa, ed è stato un percorso molto lungo, difficile e frustrante per l’incertezza che aleggiava sulla sua realizzazione, rimettermi a lavoro ora è impensabile”

Ospite del Giffoni Film Festival insieme ad Edison per presentare un progetto di cinema collettivo, il regista, però, ha lasciato aperto uno spiraglio di speranza. Alla domanda “Vedremo mai un seguito di Lo Chiamavano Jeeg Robot?” ha risposto con un laconico “Mai dire mai”.

“Dipende tutto dal fatto che arrivi una buona idea per una storia che valga la pena realizzare, avevamo anche provato a lavorarci, vedremo”, ha poi aggiunto.

Nulla è perduto ma, al momento, un seguito a uno dei film più premiati dell’ultimo anno sembra impensabile. “Colpa” anche dei numerosi impegni che tengono occupato il regista. Mainetti, infatti, è al lavoro su un nuovo film del tutto diverso da “Lo chiamavano Jeeg Robot”.

“Sto lavorando al soggetto di un nuovo film insieme a Nicola Guaglianone, già sceneggiatore di Jeeg Robot. È una storia ancora più folle che dovremo consegnare a settembre. Non mancheranno ruoli femminili importanti”

Il nuovo film – dalle parole di Mainetti – sembra essere ancora più promettente di Jeeg Robot. Un lavoro, però, su cui non è dato ancora conoscere molti dettagli. Ai fan del regista basta sapere che si è già a buon punto con la lavorazione della pellicola.

”È una storia di sentimenti, come Jeeg Robot. Abbiamo appena finito di scrivere la scaletta, la prima stesura della sceneggiatura sarà per ottobre, poi ce ne saranno altre. Spero di cominciare a girare a aprile o ottobre 2017”.

“Lo Chiamavano Jeeg Robot”: un anno di successi

Il cinema italiano ha continuato a raccogliere successi dopo successi in questo 2016. “Lo Chiamavano Jeeg Robot” è stato uno dei film che si è reso protagonista assoluto.

Il primo giorno di programmazione ha esordito incassando 83.000 euro e classificandosi al 5º posto come maggior incasso giornaliero, dietro a Perfetti sconosciuti, Deadpool, Zootropolis e The Danish Girl. Poi, è stato un crescendo. Tre Nastri D’argento, quattro Ciak D’Oro, sette David di Donatello: la lista è lunga…

Critica e fan, quindi, aspettano il momento in cui quel “Mai dire mai” si trasformerà in realtà.