spazio e scienza

Il tormentone intelligente dell’estate, che spiega le leggi di Keplero

leggi di keplero

Le leggi di Keplero sono le tre leggi del movimento dei pianeti. Sono il principale contributo di Johannes Keplero all’astronomia e alla meccanica

  • Prima Legge (Legge delle orbite ellittiche, 1608)
  • Seconda Legge (Legge delle aree, 1609)
  • Terza Legge (Legge dei periodi, 1619)

leggi_di_keplero_supplenti_italiani

…La prima legge dice che l’orbita descritta da un pianeta attorno al Sole è proprio ellittica e il Sole splende proprio in uno dei due fuochi situati sopra il piano dell’eclittica…“; “…La seconda legge afferma che il raggio vettore dal centro del Sole al pianeta orbitante muovendosi spazi in tempi uguali regioni diverse ma di area costante…!“; “…La terza legge dice che si prendono i quadrati dei periodi che i pianeti stanno in orbita e c’è una legge che lega T al quadrato con il semiasse al cubo, il maggiore di ogni orbita…” Recita così una parte del testo di “LE LEGGI DI KEPLERO“, il primo singolo de I SUPPLENTI ITALIANI.

leggi_di_keplero

Gli autori e la Boy Band di “LE LEGGI DI KEPLERO”

Gli autori del singolo che spiega l’astrofisica sono Lorenzo e Michele Baglioni e il regista Haider Rashid. Ecco come Lorenzo Baglioni presenta la band. 

ANTONELLO: Laureato in Giurisprudenza con il massimo dei voti, nel 2013 diventa il più giovane amministratore di condominio di tutta l’Italia centro-settrentionale. Ha una grande passione per il tennis, sport nel quale può applicare quello per cui ha studiato tanti anni: il diritto. Oggi, per un errore del Ministero della Pubblica Istruzione è supplente di Matematica, ma, disequazioni a parte che proprio non gli entrano in testa, se la cava piuttosto bene.

PABLO: un’infanzia difficile, i problemi economici della famiglia, e le cattive amicizie, fanno sì che a neanche 16 anni finisca nella comunità di Don Marzio. Lì canterà nel coro della parrocchia, distinguendosi per i grandi vocalizzi sul brano “Grazie, Signore, Grazie!”. Adora gli animali, ma solo negli Zoo. Oggi è supplente di Religione.

KEVIN: Madre Americana, padre di Borgo a Buggiano, fin da piccolo dimostra l’amore per il canto, vincendo la versione Americana de “Lo Zecchino D’oro” con il pezzo “Mi piace maccheroni Italy”. Oggi è supplente di Inglese, lingua che non ha mai imparato del tutto.

MANOLO: la leggenda vuole che sia stato concepito a Woodstock, ma che sia poi nato parecchi anni dopo. Comincia gli studi di Filosofia, che poi abbandonerà perché “la filosofia non può essere rinchiusa in un libro di scuola”. Cittadino del mondo, oggi è supplente di Storia e Filosofia, materie che si rifiuta di insegnare per ragioni etico morali.



Il singolo “LE LEGGI DI KEPLERO”

Il singolo che è la geniale trovata dei fratelli Baglioni, parodia ispirata ai Backstreet Boys, potrebbe diventare un nuovo modo per imparare, almeno le basi, degli argomenti trattati. L’arrangiamento musicale, curato da Lorenzo Piscopo, è orecchiabile e incalzante mentre l’espediente comico basato sul gioco del contrasto fra il testo che spiega le tre leggi di Keplero e la hit orecchiabile, riesce alla perfezione.

I Supplenti Italiani: Damiano Sardi, Feisal Bonciani, Lorenzo Baglioni e Federico Muti. Le Leggi di Keplero è ambientato nell’Osservatorio Astrofisico di Arcetri

I numeri del singolo iniziano ad essere importanti: dal 25 luglio, circa 80.000 su Youtube e 1.264.000 sul profilo Facebook di persone hanno visto il video.

CURIOSITA’ – Il filone educativo era già stato utilizzato dai fratelli Baglioni con “Il Teorema di Ruffini” e “Le Ossidoriduzioni“.



Lorenzo Baglioni è un attore e autore comico Fiorentino.

Lavora come attore teatrale presso il Teatro Stabile di Innovazione di Rifredi, presso la casa di produzione Tedavì 98, e la compagnia Magnoprog.

Nel 2013 esce il suo primo film da protagonista, “Sta Per Piovere” (https://www.facebook.com/StaPerPiovere?ref=ts&fref=ts), scritto e diretto dal regista Haider Rashid.

Nel Marzo 2014 debutta il suo primo spettacolo originale, “La Grammatica della Fantasia” (https://www.facebook.com/grammaticadellafantasia?fref=ts), scritto insieme al fratello Michele Baglioni, e dedicato a Gianni Rodari, in cui Lorenzo è in scena con Maria Paola Sacchetti, per la regia di Riccardo Giannini (prod. Magnoprog).

Nel Febbraio 2015 debutta il suo primo spettacolo di stand-up comedy, “SELFIE”, anch’esso scritto col fratello Michele. Il 28 Luglio 2016 viene fatta la 50 esima replica dello spettacolo, che ha totalizzato più di 25000 spettatori.

Nella sua ricerca sull’arte della stand-up comedy guarda alla produzione di comedians come Louis CK, Ricky Gervais, Bill Hicks, George Carlin, Jerry Seinfeld, Roberto Benigni, Daniele Luttazzi, e tanti altri…

Attualmente lavora – sempre affiancato dal fratello – alla stesura di un nuovo spettacolo e di un film, con grande attenzione ai contenuti per il web.