attualita

Bonus cultura anche per i diciottenni, in arrivo 500 euro

bonus cultura diciottenniROMA – Arriva anche per i nuovi diciottenni, quelli nati nel 1998 per intenderci, il bonus cultura. Un tesoretto da 500 euro da spendere on line per acquistare libri, e non solo quelli scolastici, ingressi a musei, cinema, teatri, mostre, concerti, visite archeologiche, fiere, eventi. A disposizione dei nuovi maggiorenni, i 574.593 giovani che quest’anno hanno spento o spegneranno 18 candeline entro il 31 dicembre, ben 290 milioni di euro. A tanto ammonta la cifra della misura prevista dal governo nell’ultima legge di Stabilità. A beneficiarne saranno non solo i ragazzi italiani ma anche tutti gli stranieri con regolare permesso di soggiorno. Tutti gli acquisti potranno essere effettuati on line grazie alla piattaforma, realizzata e gestita dalla Sogei, “18app”.

Come usufruire del bonus cultura – primo passo

Primo passo è registrarsi su uno dei cinque identity provider accreditati, Tim, Poste, Aruba, Infocert e Sielte. In questo modo si otterrà il riconoscimento dell’utente da parte dello Stato, il cosiddetto “Spid”. Il Sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale servirà inoltre per accedere a tutti i servizi online della Pubblica Amministrazione.

Come usufruire del bonus – passo due

Dopo aver ottenuto lo Spid è necessario scaricare l’app “18app” dal portale dedicato (www.18app.it oppure www.diciottapp.it). L’applicazione è valida sia per i dispositivi Android che iOS. Qui sono richiesti ulteriori dati identificativi dell’utente come la residenza, il numero di cellulare e la posta elettronica. Una volta terminata la registrazione si attiverà il plafond di 500 euro, valida dal giorno del compleanno, da spendere on line.

Come spendere il bonus

Grazie all’app si potrà accedere all’elenco di beni e servizi da acquistare curato dal ministero dei Beni Culturali. Oltre ai libri, a disposizione biglietti per eventi, musei e concerti. In questi casi il voucher potrà essere stampato oppure semplicemente stampato sullo smartphone in forma di “qr code” o “bar code” da esibire alle biglietterie autorizzate.