attualita

Terremoto, il jazz italiano per Amatrice

Il 4 settembre una maratona di musica e solidarietà da L’Aquila a Roma

Photo: Filippo Trojano

Photo: Filippo Trojano

Roma – Una lunga maratona di musica ha suonato lo scorso anno per le strade de L’Aquila, in una festa all’insegna del jazz per la rinascita del centro storico della città. In programma anche per il 2016 la seconda giornata che, dopo il sisma del 24 agosto, ha rischiato però di essere annullata. Massimo Cialente, il sindaco de L’Aquila, ha voluto allora rinominare l’evento in “Il Jazz italiano per Amatrice e per gli altri territori colpiti dal sisma”, al fine di avviare una raccolta fondi. L’appuntamento, in programma domenica 4 settembre, cresce e coinvolge quest’anno anche la capitale e altre città. L’iniziativa, sostenuta e promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali, ha già visto nel capoluogo abruzzese circa 60.000 persone, entrando così a pieno titolo nella storia del jazz del nostro paese con oltre 600 musicisti al lavoro e 100 concerti a ingresso gratuito per quella che fino ad oggi viene ricordata come la più grande e riuscita manifestazione di solidarietà degli ultimi tempi. L’obiettivo di quest’anno è battere il record del 2015 e le tantissime adesioni fanno ben sperare. A curare la regia di questa grande maratona è l’Associazione I-Jazz con MIDJ Musicisti Italiani di Jazz. La SIAE si farà carico di pagare il diritto d’autore per gli eventi in programma e destinerà un contributo di 50 mila euro. I musicisti si esibiranno gratuitamente e i presenti potranno partecipare all’iniziativa di una campagna di crowdfunding nazionale e di un sms per raccogliere fondi destinati al restauro e alla riapertura del Cinema Teatro Comunale “Giuseppe Garibaldi” di Amatrice, luogo simbolo della cultura e della ricostruzione del tessuto sociale di uno dei centri distrutti dal sisma. Due grandi eventi con numerosi concerti in tutta Italia caratterizzeranno la giornata: alla Casa del Jazz a Roma, dalla mattina al tardo pomeriggio, e in serata a l’Aquila nel piazzale adiacente la Basilica di Santa Maria di Collemaggio.

Informazioni: 0862 645259 / 055 240397