esteri

Il mostro di Loch Ness è tornato. C’è una sua foto

mostro-di-loch-ness-lagoROMA – Il mostro di Loch Ness è tornato. Nessie, questo il suo nomignolo, è riapparso dinanzi agli occhi di uno sbigottito fotografo dilettante. I giornali inglesi danno ampio spazio alla notizia ma qualcuno ha già la spiegazione in tasca.

Il mostro di Loch Ness è tornato, la foto

Nessie è tornata. Questa volta nessuna immagine sfocata, nessuna penombra ad offuscarne le fattezze. La foto è chiara ma quello che si vede lascia non pochi dubbi nell’osservatore. Ma andiamo con ordine. Doveva essere una giornata come un’altra per Ian Brenmer. Una passeggiata nell’incontaminata natura scozzese. Aria buona e qualche foto ricordo da portare a casa. Poi, all’improvviso, quello che non ti aspetti. Qualcosa si muove nell’acqua. È grosso. Inforcata la fotocamera via agli scatti. Tutto dura un attimo. Ma la foto c’è. È il mostro di Lock Ness.

mostro-di-loch-ness-foto

Il mostro di Loch Ness è tornato, la testimonianza

Ian Brenmer è certo. Quello che ha visto è il “mostro”. Considerato da tutti un cittadino assennato e affidabile, Brenmer ha raccontato tutto l’accaduto al sito Metro.co.uk. “Io non sono un credulone – ha raccontato. Ma potrei essere il primo ad averla vista. Ho visto il mostro di Loch Ness, sono sicuro che fosse lui. E’ la prima volta che vedo Nessie nel lago, sarebbe sorprendente se fossi il primo a trovarlo”.

Il mostro di Loch Ness è tornato, lo scetticismo

Ian Brenmer come Steve Feltham quindi. Feltham è, unanimemente, considerato il più grande “cacciatore” di Nessie. Sua una caccia durata ben 25 anni. Nella storia ci sono ben 1,081 avvistamenti dell’animale. La foto, questa volta, è chiara ma in molti ci vedo il gioco di tre foche felici. Tre simpatici animali che si rincorrono nell’acqua e non un serpentone lungo 15 metri. Tra realtà e fantasia il mito e la leggenda del Mostro di Locn Ness si alimenta. Chissà, che questa volta, non sia arrivato al capolinea.