scienza

Bikini e costumi in armadio, arriva l’autunno

equinozio-autunnoROMA – Autunno ci siamo, l’appuntamento è per il 22 settembre alle ore 14 e 21 del tempo coordinato universale. Sui nostri orologi però saranno le 16 e 21 a causa dell’ora legale. L’estate quindi ci saluta e le giornate tenderanno ad essere più “corte” perché le ore di luce saranno minori di quelle buie.

Equinozio d’autunno, il Sole all’Equatore

L’estate saluta l’emisfero nord della Terra lasciando spazio all’autunno. Diversamente, in quello meridionale con l’Equinozio del 22 settembre si dà il benvenuto alla primavera. Equinozio, parola derivante dal latino, significa “notte uguale”. Due gli equinozi, oltre quello d’autunno, quello di primavera. Esso indica un momento esatto, quello in cui il Sole si trova esattamente sopra all’equatore terrestre. I raggi del Sole sono quindi perfettamente perpendicolari all’asse di rotazione del pianeta Terra e questo determina l’uguale durata delle notte e del giorno. Solo con gli equinozi il Sole sorge esattamente ad est e tramonta esattamente a ovest. Con il passare dei giorni e l’avvicinamento al mese di dicembre, la Terra si inclinerà ancora di più rispetto al Sole. I suoi raggi avranno un angolo più acuto. Ombre più lunghe, minor riscaldamento e maggior freddo. Il Sole con il solstizio d’inverno raggiungerà il suo punto più basso nel cielo di mezzogiorno.

equinozio-dautunno-3

Equinozio d’autunno, tradizioni e superstizioni

Gli equinozi hanno sempre avuto un significato molto particolare in molte culture e nelle varie epoche storiche. I Maya, ad esempio, costruirono anche una piramide, quella chiamata El Castillo a Chichen Itza, dove la luce del sole, in questi due giorni speciali, disegnava un serpente sulle sue mura. La festa del Nuovo Anno, nell’antica Mesopotamia, fa riferimento all’equinozio primaverile. La data di tale avvento, coincide con il segno zodiacale dell’Ariete, simbolo del Dio nazionale Marduk. Sham El Nessim era, invece, un’antica festività egiziana le cui tracce risalgono a circa 4700 anni fa. Resta una delle feste pubbliche Egiziane, cade il lunedì e coincide con l’equinozio di primavera. Anche il calendario iraniano ha il suo inizio nel giorno dell’equinozio di primavera (il 21 marzo). L’equinozio di settembre segna il primo giorno del Mehr o della Bilancia nel calendario Iraniano. È una delle festività iraniane chiamate Jashne Mihragan, o il festival della condivisione equinozio-autunno-2dell’amore nello Zoroastrismo. L’equinozio di settembre era il primo giorno dell’anno nel calendario repubblicano francese, che venne usato dal 1793 al 1805. La Prima Repubblica Francese venne proclamata e la monarchia francese abolita il 22 settembre 1792.

Equinozio d’autunno nello spazio

In entrambi gli equinozi il sole passa a sud del tropico del Cancro e a nord di quello del Capricorno; allo zenith equatoriale il sole si trova declinato di 66°33′ su entrambi i tropici e di 23° 27′ su entrambi i circoli polari. Anche i Pianeti del nostro sistema solare vivono i momenti degli equinozi. Marte, ad esempio, ha un’inclinazione simile a quella della Terra quindi le stesse stagioni. Il suo inverno, però, dura 154 giorni. Urano, invece, con una inclinazione del suo asse di 90 gradi, ha un inverno lungo 42 anni. Su Saturno, infine, l’equinozio si verifica ogni 15 anni terrestri.