spazio e scienza

Tiangong-1 fuori controllo, impatto con la Terra nel 2017. Nessun pericolo?

Tiangong-1 fuori controllo

Tiangong-1 fuori controllo – Tiangong-1 è il primo laboratorio orbitale cinese lanciato nello spazio. Pensata e costruita come laboratorio-test per esperimenti e docking delle varie navette Shenzhou che la visiteranno nel corso dei due anni di vita programmata, essa fa parte del ben più ampio Progetto 921-2 che vuole vedere la Cina avere nello spazio una stazione orbitante da 20 tonnellate entro il 2022 e in Tiangong un modulo di rifornimento, chiamato Tianzhou.

Con una lunghezza di 10,4 m e una altezza massima di circa 3,5 m, Tiangong è composto da un modulo di servizio, un modulo laboratorio e un modulo di attracco dotato di sistema di tipo APAS per il collegamento tra la stazione e le navicelle Shenzhou.

Nel secondo modulo, alla cui estremità si trova il sistema per l’aggancio, gli astronauti potranno vivere e condurre attività di ricerca, disponendo di una quindicina di metri cubi di volume utile. Nel modulo di servizio sono presenti i sistemi necessari al funzionamento della piccola stazione, compresi i serbatoi per i propellenti ed altri impianti primari.

L’alimentazione elettrica è garantita da una coppia di pannelli solari alari agganciati alla sezione di minore diametro.

29 settembre 2011: un razzo a lunga marcia 2F trasporta in orbita Tiangong-1, componente di quello che presto sarà il “Palazzo Celeste”, la stazione orbitante che segnerà lo stanziamento degli astronauti cinesi nello spazio.


15 settembre 2016: il laboratorio spaziale Tiangong-2 è stato lanciato nello spazio dal Jiuquan Satellite Launch Center nel nordovest della China. Per il Tiangong-2, i tecnici cinesi hanno studiato alcuni miglioramenti, come l’abitabilità e nuovi sistemi di rifornimento.

Il modulo potrà infatti ospitare due astronauti per un mese. Il Palazzo Celeste sarà utilizzato per lo svolgimento di esperimenti sulla comunicazione quantistica e sulla coltivazione di piante nello spazio. Inoltre sarà dotato di un orologio atomico. A ottobre arriveranno i primi astronauti.


La situazione di Tiangong-1

In una nota, le autorità cinesi, confermano che il laboratorio spaziale della Cina cesserà di esistere impattando con l’atmosfera terrestre alla fine del prossimo anno.

La stazione spaziale è al momento intatta ed orbita attorno alla Terra ad un’altezza di 370 km, secondo quanto spiegato da Wu Ping, deputy director del China’s Manned Space Engineering office

Tiangong-1 è fuori controllo e precipiterà sulla Terra “in qualche momento della seconda metà del 2017”  e la sua fine non dovrebbe comportare alcuna conseguenza né pericolo.

Basandosi su calcoli e analisi, gran parte del laboratorio spaziale brucerà durante la caduta,” ha dichiarato Wu Ping, durante una conferenza stampa, come riferito dall’agenzia Xinhua.

Tiangong-1 fuori controllo


Le previsioni di impatto di Tiangong-1

Non si può manovrare la Stazione”, ha spiegato al Guardian, Jonathan McDowell, astrofisico ad Harvard. “Ed è difficilissimo fare previsioni: anche un paio di giorni prima del rientro, non è possibile conoscere con precisione superiore alle sei-sette ore quando precipiterà.

Il che vuol dire che non è possibile neanche sapere dove precipiterà. Anche un piccolo cambiamento delle condizioni atmosferiche potrebbe spostare il luogo del rientro da un continente all’altro”.

Per di più, secondo McDowell, alcune parti della Stazione non bruceranno a contatto con l’atmosfera: “I motori, per esempio, sono molto densi e potrebbero non bruciare. Potrebbero esserci detriti dal peso di 100 chili”.

L’annuncio ufficiale arriva dopo mesi di indiscrezioni e rumor, secondo i quali i ricercatori cinesi avrebbero perso già da tempo il controllo della Stazione – 10 metri di lunghezza per otto tonnellate di peso: non proprio un sassolino – in seguito a una serie di guasti e avarie che ne hanno compromesso il funzionamento.

Tiangong-1 fuori controllo