Sono molto preoccupata, a volte mi sembra di soffocare…

Lunedì 26 dovrei iniziare l’università il primo anno quindi sono un po sotto pressione, il mio ragazzo mi ha detto che vorrebbe partire.

Le scrivo per avere delle risposte ad alcuni miei dubbi.
Il mio ultimo ciclo l’ho avuto dal 19 agosto al 24 agosto. Tuttavia il quinto giorno del ciclo ho avuto un rapporto protetto con il mio ragazzo e ho notato che le perdite rosa/marroncine (tipiche della fine del ciclo) sono continuate per qualche altro giorno successivo al 24 (cioè oltre la normale durata del mio ciclo 6/7 giorni). Il prossimo ciclo doveva arrivarmi il 21 settembre facendo il conteggio a partire dal 24 agosto. Tuttavia in questo mese ho avuto diversi rapporti con il mio ragazzo, tutti iniziati senza preservativo, che poi abbiamo utilizzato dopo qualche minuto e comunque tutti i rapporti sono terminati con eiaculazione esterna nel preservativo. Oggi 23 settembre il ciclo non è ancora arrivato pero da diversi giorni (circa 7) ho mal di schiena nella zona del bacino, al fianco sinistro nella zona renale, fitte nella parte sinistra del basso ventre, forte dolore allo stomaco e da ieri fortissimi mal di testa inoltre ho sempre freddo . Inoltre sono facilmente irritabile, nervosa, ansiosa tanto che sembra mi manchi l’aria e ho continui sbalzi d’umore. Lunedì 26 dovrei iniziare l’università il primo anno quindi sono un po sotto pressione, il mio ragazzo mi ha detto che vorrebbe partire per cui sono po giù di morale. Sono molto preoccupata, a volte mi sembra di soffocare, sento il cuore scoppiare e avrei voglia di piangere e gridare. È possibile una gravidanza in queste circostanze? Perché non mi arriva il ciclo?Questi stati d’ansia è possibile siano dovuti al fatto che assumo keppra perché soffro di epilessia?Mi devo preoccupare per questa”ansia”? Grazie in anticipo.

Anonima, 19 anni


Cara Anonima,
da quello che ci racconti hai sempre avuto rapporti protetti o comunque non si sono verificate le condizioni di rischio per una gravidanza in quanto l’eiaculazione è sempre avvenuta all’esterno e soprattutto il rapporto era coperto da un contraccettivo di barriera. Quindi non ci dovrebbero essere rischi per una gravidanza puoi stare tranquilla.
In merito invece al ritardo, molto probabilmente è solo un problema di tempo, anche perché come tu stessa ci racconti hai diversi sintomi che fanno presupporre l’arrivo del ciclo. Possono essere diversi i fattori che ritardano il ciclo come lo stress emotivo, l’ansia, interferenza di alcuni farmaci, diverse condotte alimentari etc..
Sicuramente l’ingresso all’università è un momento importante, c’è un cambio di prospettiva, le aspettative sono tante e non sempre facili da controllare. In più anche la notizia dell’eventuale partenza del tuo fidanzato sicuramente contribuisce ad aumentare lo stress e le preoccupazioni. Sono tutti cambiamenti importanti che ci potrebbero far sentire persi e smarriti, e chiaramente il corpo è il primo a risentirne.
In merito invece ai possibili effetti collaterali del farmaco potrebbe essere consigliabile confrontarti con il medico che te l’ha prescritto in modo da ricevere informazioni chiare e puntuali.
Non sappiamo se potrebbe esserti anche di aiuto parlare con una persona di cui ti fidi oppure con uno psicologo in modo tale da avere uno spazio libero dove poter portare tutte le tue difficoltà.
Un caro saluto!