attualita

Addio a Shimon Peres, Presidente Premio Nobel per la Pace

shimon peresROMA – Il mondo dice addio a Shimon Peres. Il leader israeliano si è spento nella notte all’età di 93 anni in ospedale, dopo due settimane di ricovero dovute ad un ictus.

Ieri l’improvviso peggioramento delle condizioni di salute, seguite dall’arrivo in ospedale dei familiari e stanotte dalla morte. Il decesso è avvenuto alle 2:15, ora locale (l’1:15 in Italia).

Il premier israeliano Benyamin Netanyahu ha convocato per oggi una seduta di lutto del governo israeliano. Tanto il cordoglio del presidente che insieme alla moglie esprime ”profondo dolore per la morte di una persona cara alla Nazione intera, ed ex capo di Stato di Israele”.

Shimon Peres, Presidente e Nobel per la Pace

Peres è stato Primo ministro di Israele per due volte, numerose volte ministro (Difesa, Esteri, Finanze, Trasporti), presidente del Paese (dal 2007 al 2014) e capo del Partito Laburista di Israele nell’arco di una carriera politica durata settant’anni.

Nel 1994 gli fu conferito il Nobel per la Pace per l’accordo israelo-palestinese di Oslo il riconoscimento venne condiviso con l’altro leader laburista israeliano Rabin, assassinato nel 1995 da un estremista israeliano, e con il leader dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina Yasser Arafat, morto nel 2004.

Nel ricevere il premio Peres si augurò un “Medio Oriente che diventi non un terreno di morte ma di creatività e crescita”.

Terminato il mandato presidenziale nel 2014, Peres era rimasto molto attivo sulla scena politica in particolare attraverso la sua Fondazione, il Centro Peres per la Pace di Jaffa che promuove il dialogo fra ebrei e arabi.

“Nella sua vita e con le sue azioni mio padre ci ha lasciato in eredità il domani. – ha detto alla stampa il figlio di Shimon Peres, Chemi – Ci ha ordinato di edificare il futuro di Israele con coraggio e saggezza, e di spianare sempre strade per un futuro di pace”.