music and future

Prenditi cura di me il sound sofisticato di Abbracci Nucleari

Abbracci NucleariROMA – Esce il video di Prenditi cura di me, il primo estratto dall’EP d’esordio degli Abbracci Nucleari. Un progetto nato dall’incontro tra Rahma Hafsi e Marco Rigamonti. La prima, voce soul prestata in passato all’hip hop, e il secondo dj e producer milanese.

Abbracci Nucleari, due artisti un solo progetto

Da questa collaborazione prende forma il sound di Abbracci Nucleari.  Una musica che si ispira ai moderni modelli di oltremanica e tenta di unire un approccio melodico leggero con arrangiamenti elettronici minimali. Esperimento che non dimentica mai di tenere in primo piano l’impatto emotivo, con un cantato in italiano.

Abbracci Nucleari, l’inizio e Prenditi cura di me

Prenditi Cura Di Me non è solo il brano che apre l’EP di Abbracci Nucleari. È l’inizio di tutto. È la melodia semplice e perfetta che gira in testa a Rahma, ed è anche il primo pezzo arrangiato insieme a Marco Rigamonti. Da qui inizia la loro collaborazione. E’ una ballad elettronica e profonda, con un ritornello che una volta ascoltato non ti esce più dalla testa.

Prenditi cura di me, il video

Il video è girato da Federico Zotti , giovane direttore della fotografia, con l’assistenza di Lorenzo Berni . È per il 90% in bianco e nero e gioca sulla messa a fuoco. Si apre con un primo piano su Rahma, avvolta in una nube di fumo e si allaccia alle riprese della tastiera di Marco mentre suona. Nella seconda parte entrano in gioco i colori, uno caldo e uno freddo, che va a sottolineare la morbidezza e il calore di una parte melodica e la struttura della musica elettronica che gentilmente avvolge il cantato per poi risciogliersi.

Abbracci Nucleari e Ulule

La band ha anche avviato un progetto di crowdfunding sulla piattaforma Ulule , attivo fino al 5 ottobre, raggiungendo in pochi giorni il 130%, visibile a questo link

Abbracci Nucleari, la bio

Nella primavera del 2014 Rahma Hafsi sta ascoltando la radio, quando improvvisamente rimane colpita da una versione remixata di un brano di Cristina Donà. Decide di contattare l’autore del remix, Marco Rigamonti, e di incontrarlo per proporgli una collaborazione. Marco accetta volentieri e arrangia un inedito scritto da Rahma. E’ a questo punto che i due capiscono che la loro unione avrebbe potuto funzionare aldilà di un singolo brano. Nel giro di qualche mese nascono diverse canzoni. Brani che uniscono la vena soul e R&B di Rahma con l’approccio elettronico di Marco. Un abbraccio che non poteva che citare una frase dell’Universo di Cristina Donà, l’anello di congiunzione che ha fatto sì che si incontrassero.

Rahma

Classe 1986, di origini Tunisine) calca palchi da una vita; ha alle spalle un disco cantato in inglese (Share A Love) e diverse collaborazioni nella scena hip-hop italiana.

Marco

1978, Milanese nato a Lussemburgo è Dj e produttore da vent’anni; fin da piccolo ha preso lezioni di pianoforte classico, che sono diventate la base per sperimentare con i sequencer. Oltre ad aver prodotto dischi a nome Double Beat (insieme a Stefano Ghittoni di The Dining Rooms), dal 2003 è collaboratore fisso di Alessio Bertallot, per il quale ha realizzato sigle e remix in esclusiva.