tech

L’Apple Car non si farà. Cupertino propenso ad abbandonare il progetto

apple carROMA – L’Apple Car non si farà. Dopo le indiscrezioni del New York Times di qualche settimana fa che già avevano lasciato intuire qualcosa, è stato Bloomberg a rilanciare la notizia.

L’Apple Car, un progetto troppo ambizioso?

Più di uno i motivi che hanno portato Cupertino all’abbandono del progetto. Un abbandono che potrebbe anche essere un semplice rinvio.

Apple non ha confermato o negato nulla. Certo sembra solo essere il fatto che per l’azienda l’Apple Car non sia più un obiettivo primario.

È così che, secondo la testata, anche il team di lavoro – inizialmente composto da 1000 persone – si è, piano piano, tirato indietro. Alcuni dei “prescelti” avrebbero detto addio definitivamente al progetto. Altri sarebbero stati assegnati a compiti diversi dalla stessa azienda proprio perché, per il momento, gli obiettivi di medio – lungo termine tornano ad essere altri.

In ogni caso, dissapori interni al gruppo e la mancanza di un vero leader che portasse a risultati concreti hanno contribuito alla disaffezione del team. I pochi rimasti, quindi, adesso hanno il difficile compito di valutare la fattibilità del progetto. Una valutazione che va fatta entro il 2017. Un tempo, forse, troppo breve per tenere in piedi quello che era stato chiamato Titan. Entro quella data, così, si capirà se chiudere definitivamente il progetto o virare su una soluzione meno rischiosa, concretizzata in un software per la guida autonoma da dare in pasto ai produttori di automobili.

La goccia che ha fatto traboccare il vaso, poi, è stata la mancanza di componenti necessaria per la realizzazione dell’automobile autonoma. Difficile trovare i partner adatti o accordi convenienti. Insomma, l’obiettivo di portare al debutto un auto elettrica con funzionalità di guida assistita entro il 2019-2020 sembra essere sfumato.