attualita

Da Sant’Agata de’ Goti giovani contro il razzismo. Parte il progetto Krater

erasmus + a palermoNAPOLI – Da oggi, lunedì 7 novembre, sul borgo di Sant’Agata de’ Goti, nel Beneventano, soffiera’ una “ventata di internazionalità”. Succederà, nelle parole del ristoratore Ivan Prisco, classe 1985, grazie a un’iniziativa di scambio culturale. Ivan risponde al telefono in una pausa dal lavoro e racconta volentieri a diregiovani.it di ‘Krater’, questo il titolo del progetto che ha realizzato insieme alla Cooperativa Immaginaria e con una collaborazione della YMCA- Parthenope. Da oggi e fino al 18 novembre, l’iniziativa portera’ nel borgo campano 30 ragazzi tra i 18 e i 25 anni. Di questi, alcuni verranno da Estonia, Lituania, Polonia, Romania, altri risiedono in Italia e sono i rifugiati e le rifugiate ospitati dai comuni di Sant’Agata e della vicina Solopaca.

Progetto Krater, cibo e natura per dire no al razzismo

Il programma, che rientra nell’ambito degli scambi Erasmus+, prevede diverse attività: laboratori di cucina, visite guidate, di cui una all’antica ferriera, una caccia al tesoro, escursioni, laboratori di riciclo. Il metodo di apprendimento sarà quello dell’educazione non formale: in particolare, nelle cucine del suo ristorante, spiega Ivan, “i laboratori non prevederanno lezioni in senso canonico, ma momenti di divertimento e apprendimento attraverso il fare. I ragazzi prepareranno i pasti e poi li consumeranno insieme”. Oltre a quella di Ivan, tante le altre aziende coinvolte dal progetto: tra queste un caseificio, una cantina, un panificio. Ad accomunarle l’attenzione alla qualità, alla biodiversità e al percorso dei prodotti lungo l’intera filiera. L’idea nasce con il preciso interno di contribuire almeno un po’ ad “abbattere il muro di razzismo che si genera tra diverse culture- spiega Ivan, e conclude- cosa mi aspetto dai santagatesi? Non e’ una comunita’ troppo aperta ma sono fiducioso che riusciremo a porre la questione da un punto di vista interessante anche per loro”.

Progetto Krater, conoscersi anche grazie al teatro

I ragazzi, oltre a scoprire le attrazioni turistiche e i prodotti tipici della zona, saranno anche coinvolti in un laboratorio di teatro organizzato dalla Cooperativa Immaginaria, che produrra’ uno spettacolo aperto alla comunita’ locale. Una curiosita’: Il nome del progetto viene dall’antico vaso greco trovato proprio a Sant’Agata de’ Goti e raffigurante il ratto di Europa, da cui e’ tratta, tra l’altro, la rappresentazione della fanciulla che si vede su tutte le nostre banconote.