spazio e scienza

Vega: grande attesa per l’ottavo lancio del vettore Made in Italy

Vega

Vega, acronimo di Vettore Europeo di Generazione Avanzata, è un vettore operativo in uso dalla Arianespace, sviluppato in collaborazione dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) per il lancio in orbita di piccoli satelliti.

SEGUI LA DIRETTA del LANCIO

Vega è il lanciatore europeo progettato, sviluppato e realizzato in Italia da Avio attraverso la controllata ELV (partecipata al 30% da ASI). È un vettore di ultima generazione studiato per trasferire in orbita bassa (tra 300 e 1.500 km dalla terra) satelliti per uso istituzionale e scientifico, per l’osservazione della terra ed il monitoraggio dell’ambiente. Realizzato per il 65% nello stabilimento Avio di Colleferro, nei pressi di Roma, Vega è in grado di mettere in orbita satelliti di massa fino a 2000 kg e completa la famiglia dei lanciatori europei.

vega_gokturk-1a


Ottavo lancio per Vega

turkey_gokturk-1a_satGrande attesa per la prossima missione del lanciatore Vega che partirà il 5 dicembre dalla base spaziale di Kourou in Guiana Francese. Nella sua ottava missione, la seconda del 2016, Vega porterà in orbita il satellite turco GökTürk-1A.
La campagna di integrazione del Vega sta entrando nella fase finale. I quattro stadi del lanciatore sono già stati assemblati nella zona di lancio. Ultimo in ordine di tempo, è arrivato il satellite GökTürk-1A, che è stato integrato all’interno di una capsula protettiva, il PAC (Payload Adapter Composite) e posizionato infine nel lanciatore.
Nel corso di questa settimana si completerà il caricamento dei propellenti fluidi dell’Avum e si provvederà agli ultimi controlli prima del lancio.
L’ottavo lancio è previsto alle 14:51 ora italiana (10:51 ora locale) e potrà essere seguito in diretta sul sito di Avio a partire dalle 14:36.
vega

I prossimi lanci di Vega

vega_launch_7th-4Il programma di prossimi lanci di Vega è fitto. A marzo 2017 è previsto il VV09, finalizzato a portare in orbita il satellite Sentinel 2B. Ad agosto 2017 è previsto il VV10 (satelliti Optsat e Venus) mentre per fine dell’anno prossimo, come è stato recentemente annunciato dall’ESA, Vega dovrà portare in orbita il satellite Aeolus, per il monitoraggio dei venti e dei sistemi nuvolosi della terra.

La cronistoria di Vega, il piccolo lanciatore italiano

Primo lancio
Il primo volo di Vega, codice volo VV01, inizialmente previsto per il novembre del 2010, è avvenuto il 13 febbraio 2012 dal Centre spatial guyanais di Kourou, portando in orbita nove satelliti, fra cui gli italiani LARES acronimo diLAser Relativity Satellite (satellite ideato per misurare, con una precisione dell’1%, l’effetto Lense-Thirring della relatività generale,) costruito con la collaborazione dell’Università La Sapienza, e ALMASat-1, costruito nel polo ingegneristico di Forlì dell’Università di Bologna.

Programma VERTA
Dopo il primo volo l’Agenzia Spaziale Europea ha previsto cinque lanci, come parte del programma VERTA (VEga Research and Technology Accompaniment) volto a convincere i potenziali utenti della validità del vettore. Durante questi voli, VEGA porterà in orbita quattro satelliti dell’Agenzia Spaziale Europea: Proba-V(osservazione della Terra), ADM-Aeolus (studio dell’atmosfera), LISA Pathfinder (studio delle onde gravitazionali) e l’Intermediate Experimental Vehicle (IXV). Insieme ai carichi principali verranno lanciati anche nanosatelliti a scopi didattici come [email protected] del Politecnico di Torino. Il programma VERTA prevede una frequenza minima di due lanci per anno, con l’obiettivo di dimostrare le potenzialità di VEGA per lo sfruttamento commerciale.

Secondo lancio
Il secondo lancio (primo lancio del programma VERTA), codice volo VV02, è stato effettuato alle 4 (ora italiana) del 7 maggio 2013, trasportando in orbita il satellite Proba-V dell’ESA, in grado di eseguire un rilievo globale della vegetazione, il primo satellite estone, l’ESTCube-1, e un satellite vietnamita il VNREDSAT.

Terzo lancio
Il 30 aprile 2014 alle ore 3.35 (ora italiana) è avvenuto il terzo lancio del vettore, il primo lancio esclusivamente commerciale. Il lancio è avvenuto dalla piattaforma numero 1 del Centre spatial guyanais a Kourou nella Guyana Francese, la stessa usata per i razzi Ariane 1. Con questo lancio si è messo in orbita un satellite, il KazEOSat-1, del peso complessivo di 900 kg che fornirà immagini multispettrali ed in pancromia ad alta risoluzione dell’intero pianeta, che verranno utilizzate per il monitoraggio e la mappatura del pianeta, il supporto alla gestione delle catastrofi naturali e la pura sorveglianza del territorio.

Quarto lancio
Il quarto lancio è avvenuto regolarmente l’11 febbraio 2015 e ha portato in una traiettoria sub-orbitale il veicolo sperimentale europeo IXV. Durante il volo, il quarto stadio AVUM è entrato brevemente in orbita e poi ha eseguito una manovra di de-orbiting come pianificato.

Quinto lancio
Il quinto lancio è avvenuto il 23 giugno 2015 alle 3:51 ora italiana dalla base di Kourou per mettere in orbita il satellite europeo Sentinel 2 facente parte del programma europeo Copernicus (messa in orbita di una decina di satelliti). Compito di questo satellite è svelare, per i prossimi 7 anni, i “colori” della terra controllando così lo stato di salute del nostro pianeta, con particolare attenzione alle aree agricole e alle foreste. Il satellite Sentinel 1A è stato lanciato in orbita il 3 aprile 2014 tramite il razzo Soyuz.

Sesto lancio
Il sesto lancio è avvenuto sempre a Kourou il 3 dicembre 2015 alle 04;04;00 UTC, per mettere in orbita il satellite della Airbus LISA Pathfinder la quale durata di vita è prevista per un anno intero.

Settimo lancio

Il settimo lancio è avvenuto il 15 settembre 2016 – Avio inaugura i lanci commerciali di Vega. Partito alla base europea di Kourou nella Guyana Francese, il gioiellino italiano ha portato in orbita cinque satelliti.

La missione è complessa per la quantità dei satelliti – cinque – e la loro disposizione all’interno dell’ogiva, dove per la prima volta Avio utilizza la versione allungata del suo dispositivo di adattamento denominato VESPA (Vega Secondary Payload Adaptor).

Fornitura Arianespace-ELV
A novembre 2013 è stato firmato un contratto tra Arianespace ed ELV per la fornitura di dieci vettori VEGA, che saranno lanciati nell’arco di tre anni dopo la fine del programma VERTA.

[fonte: Wikipedia]


VEGA: UN SUCCESSO BASATO SULLA COLLABORAZIONE VINCENTE TRA ESA, ELV/AVIO E ARIANESPACE 

VEGA è un programma dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), finanziato da Italia, Francia, Spagna, Belgio, Paesi Bassi, Svizzera e Svezia. Autorità preposta alla pianificazione del lanciatore e capo commessa è ELV, società italiana partecipata da AVIO (70%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (30%). Arianespace commercializza e impiega questo lanciatore leggero in aggiunta ad Ariane 5 e Soyuz

Lanciato per la prima volta nel 2012 presso il Centro Spaziale in Guyana francese, VEGA vanta già 7 missioni con il 100% di successo. Questi ottimi risultati hanno consentito di dimostrare tutto il potenziale operativo del lanciatore e la sua polivalenza: missione in orbita bassa eliosincrona (Sentinel-2A), missione balistica (IXV), missione in orbita di trasferimento verso il Punto di Lagrange L1 (LISA Pathfinder). Nel novembre 2015, il successo della missione LISA Pathfinder condotta per conto dell’ESA ha segnato per VEGA la fine della fase di sviluppo (denominata “VERTA”, vale a dire Vega Research and Technology Accompaniment) e l’inizio del suo impiego commerciale. 

Dedicato in particolare all’osservazione della Terra, Vega ha all’attivo un portafoglio ordini di 10 lanci, un terzo dei quali sarà effettuato per conto delle istituzioni europee e due terzi per clienti esteri.