fotogallery

In ricordo di Paul Walker: 3 anni dopo la morte della star di Fast and Furious

morte di paul walker ROMA – Il 30 novembre del 2013 Paul Walker ha perso la vita di un tragico incidente stradale.
La star di Fast and Furious si trovava a bordo di una Porsche Carrera GT, guidata dall’amico Roger Rodas, quando la vettura ha perso il controllo schiantandosi contro un palo e un albero.
La velocità è stato uno dei fattori principali dello schianto.

L’auto ha preso fuoco immediatamente, e nonostante la repentinità dei soccorsi, le fiamme avevano ormai inghiottito la macchina.
L’incidente è avvenuto a Santa Clarita, a nord di Los Angeles.

Paul e Roger si trovavano ad un evento di beneficenza di raccolta fondi per le vittime del tifone Haiyan, tenutosi presso uno showroom auto, quando i due hanno deciso di prendere la Porche per fare un giro, che purtroppo si è rivelato fatale.
Walker aveva 40 anni, Rodas 38.

La morte di Paul Walker ha lasciato amici e fan senza parole.

paul walkerMorte di Paul Walker, la sentenza: nessuna responsabilità per la Porsche

Un giudice federale della California ha assolto la Porsche: nessuna responsabilità per l’incidente che coinvolse la Carrera GT causando la morte dell’attore Paul Walker e l’amico Roger Rodas.
La causa è stata portata avanti dalla vedova di Rodas, Kristine.

Secondo le ricostruzioni, la Porsche Carrera GT viaggiava tra i 128 e i e i 150 km orariv al momento dell’impatto.
Il medico legale stabilì che Paul Walker sopravvisse allo schianto, ma morì a seguito delle lesioni per l’impatto e il seguente incendio che avvolse l’auto.

Rodas aveva sostenuto che l’incidente fosse avvenuto a causa di problemi meccanici.
Il giudice ha stabilito, tuttavia, che la signora Rodas “non ha fornito alcuna prova competente” per confermare che la morte di suo marito “si sia verificata a seguito di eventuali irregolarità da parte di Porsche.
Ma la cuasa continua.

La Porsche è ancora coinvolta nella battaglia legale portata avanti da Meadow Walker, la figlia dell’attore.
Si tratta di una causa separata da quella di Kristine Rodas, la cui sentenza non verrà influenzata dal questo verdetto.

Anche secondo Meadow la Porsche su cui perse la vita Paul Walker era difettosa.

“Il veicolo non aveva le caratteristiche di sicurezza che si trovano sulle auto da corsa ben progettate o anche altre meno costose – caratteristiche che potrebbero aver impedito l’incidente o, come minimo, permettere a Paul Walker di sopravvivere all’incidente”, si legge nella causa.

Un’altra causa parallela contro la Porsche è portata avanti dal padre di Paul.

Ne frattempo, Meadow è stata risarcita con 10 milioni di dollari per la morte del padre.
Una somma importante che proviene dal patrimionio di Roger Rodas, ritenuto parzialmente responsabile dell’incidente fatale.

fast-and-furious-7-finale-paul-walker.pngFast and Furious: la saga continua senza Paul Walker

Paul Walker stava finendo di girare il settimo capitolo di Fast and Furious al momento della morte.
La produzione ha scelto di stravolgere la trama, adattando la sceneggiatura alle scene con Brian O’Conner, il ruolo che ha reso celebre l’attore.
Per Walker, protagonista della saga al fianco di Vin Diesel, è stato realizzato un video tibruto memorabile, forse uno dei più emozionanti di sempre, che accompagna le scene finali di Furious 7.
Prima dei titoli di coda, le strade di Brian O’Conner (Walker) e Dominic Toretto (Diesel) si dividono.
Uno sguardo tra i due, un lungo silenzio, un sorriso, e il commento di sottofondo di Vin Diesel, che accompagna le scene più belle con Paul Walker di tutta la saga.

“Tu sarai sempre con me, e sarai sempre mio fratello”.

Ma i motori di Fast and Furious continueranno a ruggire.
Fast and Furious 8 uscirà sul grande schermo il 14 aprile 2017 con il titolo ufficiale di Fast8.
Diretto da F. Gary Gray, il nuovo capitolo sarà ambientato a New York, con il meraviglioso skyline di Manhattan come sfondo agli inseguimenti mozzafiato che vedremo.
A parte Tokyo Drift, Fast8 sarà il primo capitolo della saga che vedrà l’assenza di Paul Walker dopo la sua morte.