spettacolo

Record di incassi per Mister Felicità Alessandro Siani

record di incassi per mister felicitàROMA – È uscito al cinema lo scorso 1 gennaio ma è già record di incassi per Mister Felicità Alessandro Siani. La pellicola, infatti, nel suo primo giorno di uscita ha sfiorato i 2 milioni di euro. Una cifra che, nel secondo giorno, è aumentata di oltre 600 mila euro. Lo ha reso noto la produzione del film, Cattelleya e Rai Cinema, rispetto ai dati Cinetel che rilevano il 90% del mercato.

Record di incassi per Mister Felicità, un dato che fa ben sperare per il 2017 del cinema italiano

“Per la prima volta dall’inizio della stagione – sottolineano in una nota – un film italiano è in cima alla classifica degli incassi, battendo i concorrenti americani”.

E il risultato che fa ben sperare dato le performance meno brillanti dei cinepanettoni. Nel weekend di Capodanno al solo al quinto posto della classifica si è posizionato Poveri ma ricchi di Fausto Brizzi (che rastrella 1.194.000 euro e raggiunge in totale i 5,8 milioni secondo Cinetel). Natale a Londra – Dio salvi la regina è scivolato in decima posizione (con 644 mila euro nel fine settimana e poco più di 4 milioni in totale). Fuga da Reuma Park di Aldo, Giovanni e Giacomo è, invece, uscito dalla top ten, scendendo in undicesima posizione (456 mila euro nel week end, 2,8 milioni in totale). La vera concorrenza per Mister Felicità è rappresentata dai film stranieri e dal cartone animato Oceania che, al box office, tiene il passo.

“Nell’atmosfera c’è grande preoccupazione per il cinema italiano – ha commentato Siani, al suo terzo lungometraggio nel doppio ruolo di regista e attore protagonista – e noi tutti siamo stati protagonisti di questo momento di crisi e non vediamo l’ora che finisca. Mister Felicita è uscito anche con 150 copie in meno del mio film precedente. Ma ieri c’è stato uno spiraglio che mi auguro continui e possa far luce sulla grandezza e sull’immensità del lavoro dell’industria cinema Italia. Non so come andrà, ma stamattina almeno un poco mi sentivo Mister Felicità e non ero in un film”.