fotogallery

Fuocoammare, Lampedusa e il dramma dei migranti con gli occhi di un bambino

fuocoammareROMA – Onore all’Italia con Fuocoammare, il film di Gianfranco Rosi candidato agli Oscar nella categoria documentari.
La ricerca di libertà diventa una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi, centinaia di persone che ogni giorno sfidano la morte pur di raggiungere le luci di Lampedusa.
Sono uomini, donne, bambini: essere umani.
Attraverso gli occhi di Samuele, un ragazzino di dodici anni che ama giocare con la sua fionda, Gianfranco Rosi racconta la vita sull’Isola e il dramma dei migranti nel Canale di Sicilia.

Gianfranco Rosi racconta il dramma dei migranti

Nel suo viaggio intorno al mondo per raccontare persone e luoghi invisibili ai più, dopo l’India dei barcaioli (Boatman), il deserto americano dei drop-out (Below Sea Level), il Messico dei killer del narcotraffico (El Sicario, room 164), la Roma del Grande Raccordo Anulare (Sacro Gra), Gianfranco Rosi è andato a Lampedusa, nell’epicentro del clamore mediatico, per cercare, laddove sembrerebbe non esserci più, l’invisibile e le sue storie.
Seguendo il suo metodo di totale immersione, Rosi si è trasferito per più di un anno sull’isola facendo esperienza di cosa vuol dire vivere sul confine più simbolico d’Europa raccontando i diversi destini di chi sull’isola ci abita da sempre, i lampedusani, e chi ci arriva per andare altrove, i migranti.

Da questa immersione è nato Fuocoammare.

Fuocoammare – Sinossi

Fuocoammare racconta di Samuele che ha 12 anni, va a scuola, ama tirare con la fionda e andare a caccia.
Gli piacciono i giochi di terra, anche se tutto intorno a lui parla del mare e di uomini, donne e bambini che cercano di attraversarlo per raggiungere la sua isola.

Ma non è un’isola come le altre: è Lampedusa, approdo negli ultimi 20 anni di migliaia di migranti in cerca di libertà.

Samuele e i lampedusani sono i testimoni a volte inconsapevoli, a volte muti, a volte partecipi, di una tra le più grandi tragedie umane dei nostri tempi.

Il film, prodotto da Donatella Palermo e Gianfranco Rosi, è una produzione 21Uno Film, Stemal Entertainment, Istituto Luce-Cinecittà e Rai Cinema ed è una coproduzione italo-francese Les Films D’Ici e Arte France Cinema.

Nel cast Samuele Pucillo, Mattias Cucina, Samuele Caruana, Pietro Bartolo, Giuseppe Fragapane, Maria Signorello, Francesco Paterna, Francesco Mannino, Maria Costa.