attualita

Chef Rubio lancia il “Pasto Sospeso” anche in Medio Oriente

UPDATE: L’evento è stato posticipato a data da destinarsi.

Chef Rubio lancia il ’Pasto Sospeso’ anche in Medio Oriente: guest all’inaugurazione del ristorante italiano Piadèra a Dubai, propone per ogni piadina un pasto in dono agli immigrati dei Labour Camp

ROMA – Chef Rubio lancia il “Pasto Sospeso” per i Labour Camp di Dubai. L’occasione è l’inaugurazione del primo ristorante della catena Piadèra, guidato da Matteo Bianchi col supporto di una cordata di investitori italiani, che apre il 2 marzo nella città degli Emirati Arabi. A Chef Rubio il compito di tenere a battesimo il locale 100% made in Italy.

Funziona così: il giorno dell’inaugurazione l’intero incasso delle consumazioni sarà reinvestito per preparare e consegnare i pasti ai lavoratori, provenienti prevalentemente dai Paesi asiatici e impiegati nel settore delle costruzioni, nei cosiddetti campi di lavoro di Dubai. Dai giorni successivi, come vuole la tradizione di solidarietà tutta italiana del ‘caffè sospeso napoletano’, per ogni pasto consumato si può lasciare un’offerta volontaria per chi invece non può permetterselo.

Così, a fine giornata la raccolta delle donazioni e il cibo in eccedenza viene devoluto e recapitato nei Labour Camps direttamente dal personale di Piadèra, con successive rendicontazioni periodiche del raccolto.

Inoltre Chef Rubio, nel corso del cooking-show d’inaugurazione aperto al pubblico, mostra assieme allo Chef resident di Piadèra Francesco Cavarretta, le fasi di preparazione dei piatti realizzati secondo la tradizione 100% italiana e 100% Halal (buono in Arabo), conformi alle regole di alimentazione del credo musulmano. Esclusa dunque la carne di maiale, il menu dei salumi propone fesa di tacchino, speck di manzo, bresaola.

La piadina rimane il piatto forte, con la variante a base di olio di oliva e priva di strutto, ma soprattutto viene preparata secondo la tradizionale ricetta di nonna Norina, autentica istituzione della Riviera Romagnola, oggi con la sua famiglia tra gli investitori di Piadèra. Norina negli anni ’60 era una bellissima, giovane donna che tirava la pasta con energia in uno storico chiosco di Cervia in Romagna Riviera. Molti ancora ricordano le lunghe file di persone in attesa delle sue leggendarie piadine.

Norina, felice nonna in pensione, consegna a Piadèra il rito della sua ricetta per offrire al pubblico il genuino gusto di allora anche lontano dalla riviera romagnola.

Piadèra, oltre all’autenticità della Piada garantisce la freschezza degli ingredienti della migliore gastronomia italiana, dai salumi alle verdure, alla mozzarella quest’ultima prodotta in loco direttamente dallo staff della Piadèra con materie prime scelte provenienti dall’Italia. ‘L’italianità di Piadèra è pervasiva: anche arredi, packaging e sito web sono rigorosamente Made In Italy.

‘Il made in Italy è uno stato mentale – dice Chef Rubio – sono particolarmente felice di poterlo esportare proponendo assieme al gusto della tradizione gastronomica italiana, un modello di solidarietà capace di bilanciare l’onda intransigente che sta attraversando questo periodo storico’.

A inizio febbraio, Chef Rubio e lo scrittore Erri De Luca hanno lanciato il ‘Pasto Sospeso’ presso la Casetta Rossa di Roma, rivolto a immigrati e persone indigenti. In meno di un mese l’iniziativa italiana ha raccolto circa 1000 pasti donati.