spettacolo

Gli U2 accusati di plagio. Sotto accusa il brano “The Fly”

u2 accusati di plagioROMA – Guai in vista per Bono Vox & company. Gli U2 sono stati accusati di plagio. Sotto accusa il brano “The Fly”, contenuto nell’album del 1991, Achtung Baby. La denuncia arriva dal cantautore Paul Rose, secondo cui gli U2 avrebbero rubato dalla sua Nae Slappin la base per poi rivisitarla e riutilizzarla per comporre il loro brano. E, in effetti, la chitarra sullo sfondo dei due pezzi è molto simile.

Gli U2 accusati di plagio: un testimone pronto a testimoniare contro la band

Secondo la denuncia, gli U2 avrebbero ascoltato la canzone nel 1989. In quell’anno, dopo aver firmato un contratto con la Island records, Rose aveva recapitato una demo ai dirigenti della casa discografica e la band irlandese era alla ricerca disperata di un nuovo sound. Il cantautore ha dichiarato che ci sarebbe anche un ex dipendente della stessa etichetta pronto a testimoniare che, alla disperata ricerca di un nuovo sound, Bono Vox e compagni avrebbe ascoltato più volte la sua musica.

“Un qualsiasi osservatore, anche non esperto, potrebbe capire che le due canzoni sono sostanzialmente simili e che quindi si è verificata una violazione”, dice Rose nella sua querela. Le sue richieste adesso costerebbero agli U2 oro, letteralmente. R0se chiede, infatti, ben 5 milioni di dollari (circa 4 milioni e 720mila euro) come risarcimento, oltre alle spese legali, le royalties del brano e di essere inserito fra gli autori di The Fly.

Né gli U2 né la casa discografica, al momento, hanno replicato alle accuse che sono arrivate 26 anni dopo perché – come ha spiegato l’avvocato dell’autore britannico, Thomas Mullaney – all’epoca del presunto furto il suo cliente “era appena agli inizi, e non voleva che una denuncia rovinasse la sua carriera”.

Ecco i due brani a confronto

Paul Rose – Nae Slappin

U2 – The Fly