spettacolo

The Big Bang Theory: gli attori si tagliano lo stipendio in favore delle colleghe

ROMA – Chiude o non chiude? Se fino ad ora si prospettava un futuro incerto per la serie tv “The big bang theory”, qualcosa sembra cambiato. Dopo dieci stagioni, di cui l’ultima è attualmente in onda, la serie più seguita degli Stati Uniti sembrava destinata al capolinea fino a quando ad intervenire  sono stati gli stessi attori, ormai diventati delle celebrità.

Rinnovo difficile

Negli ultimi mesi infatti, a creare delle perplessità sulle nuove stagioni della serie è stato il rinnovo complicato dei contratti delle attrici Mayim Bialik e Melissa Rauch (Amy e Bernadette), entrate nella terza stagione,  e già penalizzate da un compenso molto più basso rispetto a quello dei cinque colleghi più ‘famosi’. Così proprio da questi ultimi è arrivata la brillante proposta di tagliarsi parte del ricco compenso, per ‘donarlo’ alle colleghe. Se infatti Jim Parsons, Johnny Galecki, Kaley Cuoco, Simon Helberg, e Kunal Nayyar (nella serie Sheldon, Leonard, Penny, Howard e Raj) guadagnano ben un milione di dollari a episodio, le due colleghe che interpretano Amy e Bernadette ne intascano solo 200mila. Una disparità notevole, visto anche il loro importante ruolo.

La riduzione del compenso

Da qui la decisione dei ‘famosi’ di ridursi il compenso di 100mila dollari così da portare a 450mila dollari il guadagno delle colleghe. Così facendo, la produzione ha deciso di rinnovare la comedy per altre due stagioni.