attualita

A La Sapienza di Roma arriva il primo corso di cybersecurity

corso di cybersecurityROMA – All’università La Sapienza di Roma nasce la prima laurea magistrale in cybersecurity. Lo ha annunciato il vicedirettore del CIS-Sapienza Luigi Vincenzo Mancini nel corso dell’evento di presentazione dell’Italian Cybersecurity Report 2016 realizzato dal centro di ricerca di Cyber intelligence and information security della Sapienza e dal Laboratorio nazionale di Cyber security. 1 milione di posti di lavoro in cybersecurity, che diventeranno 6 milioni entro il 2019.

Questi i numeri forniti da Mancini che sottolinea l’insufficienza del “numero di esperti a livello mondiale, molti dei quali sono autodidatti”, e la mancanza di una classe dirigenziale.

A La Sapienza il primo corso di cybersecurity per formare nuove figure lavorative

Il corso di studi nasce proprio per colmare questo vuoto formativo e propone agli studenti due anni di formazione in lingua inglese, con l’obiettivo di creare “tecnici contaminati con competenze di tipo economico, giuridico e gestionale”. Tra questi il Chief security officer, cioè una figura in grado di capire le finalità degli attaccanti, ad individuare i veri obiettivi degli hacker e le tecniche di attacco, per sviluppare poi le tecniche di difesa. Per formare queste figure professionali è previsto l’inserimento di insegnamenti completamente nuovi, come ethical hacking, malware analysis and incident forensics, security governance.

Il corso di laurea, che sarà sempre più aperto e ricettivo rispetto alla matrice multidisciplinare, sara’ attivo a partire da ottobre 2017 e, in base alle previsioni, i primi laureati dovrebbero uscire a luglio 2019.