esteri

Festa della donne “sporcata” dalla campagna Yves Saint Laurent

campagna Yves Saint LaurentROMA – La campagna Yves Saint Laurent, a pochi giorni dall’uscita, è sommersa da una valanga di proteste che dai social si sono trasferite all’Autorità garante della pubblicità. Decine le segnalazioni che stanno impegnando l’ARPP su una difficile decisione: quella di far ritirare o meno i manifesti pubblicitari che campeggiano in tutta Parigi.

Campagna Yves Saint Laurent degradante

Degradante, offensiva, lesiva dell’immagine delle donne. Di tutto è apparso sui social network contro la campagna di Yves Sain Laurent per la collezione inverno 2017. Proteste legate da un solo hashtag #YSLRetireTaPubDegradante, ovvero “ritira la tua pubblicità degradante”. Due gli scatti incriminati firmati dai fotografi Inez e Vinoodh. In entrambe le foto, modelle magrissime su pattini a rotelle e pose non proprio esaltanti. Nella prima appare una donna riversa su un alto sgabello in body, calze e tacchi vertiginosi. Nella seconda, la top model Fernanda Oliveira è stravaccata al suolo con le gambe divaricate e calze a rete.

campagna Yves Saint Laurent

Campagna Yves Saint Laurent, non è la prima volta

Non è la prima volta che le campagne pubblicitarie della maison finiscono nel mirino delle donne. Era già successo nel 2015. In quell’occasione ad intervenire fu l’autorità inglese della pubblicità. Modelle troppo magre al limite dell’anoressia. Campagna ritirata. Secondo alcune opinioni espresse sui social network, in particolare su Twitter, non è questo lo stile originario di Yves Sain Laurent. Il grande sarto francese aveva ben altro rispetto per le donne e ora “si sta rigirando nella tomba”, ha postato qualcuno. Quello di proporre modelli eccessivi di magrezza è un vizio nel quale cadono spesso le grandi firme della moda. Basti pensare solo all’episodio che ha coinvolto Gucci e la campagna pensata per Cruise 2016. Anche in questo caso, a mettere la parola fine alla campagna pubblicitaria fu l’autorità inglese per la pubblicità che definì le modelle magra “in modo non sano”.

campagna Yves Saint Laurent

campagna Yves Saint Laurent