spettacolo

Chris Evans lascia gli Avengers. L’attore pronto a dire addio a Captain America

chris evans lascia gli avengersROMA – Chris Evans lascia gli Avengers. Secondo indiscrezioni sempre più insistenti, infatti, l’attore sarebbe pronto a dire addio a Captain America. Evans ha firmato per sei film con Marvel Studios. Con l’uscrita di Avengers: Infinity War e del suo sequel la fine, quindi, potrebbe essere più vicina. I film arriveranno il 4 maggio 2018 e il secondo – senza titolo – il  3 maggio 2019.

Nel corso di un’intervista, l’attore  si sarebbe lamentato dei dolori a tutto il corpo dovuti all’inizio dell’allenamento preparatorio al ruolo di Capitan America. I due film sugli Avengers verranno girati back to back a partire da aprile. Dopo aver finito le riprese, l’attore potrebbe dire addio per sempre al costume rosso e blu e allo scudo di Capitan America.

“Evans spiega che ha dolori sparsi dappertutto – ha detto una fonte – perché, il giorno prima, ha cominciato la sua routine di allenamenti per ottenere la forma fisica necessaria a tornare nei panni di Captain America nei due prossimi film che verranno girati back-to-back a partire da aprile. Dopo di quelli, niente più costume bianco, rosso e blu per il trentacinquenne attore. Avrà onorato il suo contratto”.

Chris Evans lascia gli Avengers: sempre più vivo il desiderio di imbarcarsi in altri progetti

Se siano solo supposizioni o la verità non è dato saperlo ma, da sempre, Chris si è detto poco disposto a interpretare il ruolo del supereroe per così tanto tempo. Un ruolo che lo impegna, ogni volta, per cinque mesi a cui si aggiungono tutti gli impegni promozionali. Un impegno, quindi, totalizzante che sicuramente gli toglie tanto tempo da altri progetti a cui vorrebbe dedicarsi. La regia in primis e ruoli “più umani” come quello che ha interpretato in Gifted, in uscita nei cinema americani ad Aprile.

“Evans era a conoscenza del fatto che per tutto il tempo in cui sarebbe stato legato a Capitan America, ne avrebbe avuto ben poco per altri progetti”, ha aggiunto la fonte. “Voleva cimentarsi come regista e interpretare altri ruoli. Personaggi più umani, come quello del film Gifted, che uscirà nei cinema USA nel mese di aprile”. Per questo, nell’ormai lontano 2010, a un contratto che lo impegnava per nove film ne ha preferito uno da sei. Nel 2014, poi, l’attore si era lasciato andare a un commento abbastanza chiaro: “Scommetto fino al 2017, poi avrò finito”, aveva detto. Non resta che aspettare quindi.