spettacolo

I segreti e un’unione sbagliata. Il libro sul Principe Carlo che svela i dettagli del matrimonio con Diana

libro sul Principe CarloROMA – Un’unione sbagliata, un matrimonio – quello con Diana Spencer – che non andava celebrato. Questo in breve quello che tutti sanno ma che oggi viene approfondito in un nuovo libro sul Principe Carlo. Si intitola “Principe Carlo: le passioni e i paradossi di una vita improbabile” di Sally Bedell Smith, in uscita il 4 aprile.

Nel libro viene analizzato il passato di Carlo, la passione per Camilla e l’unione con Diana. Quest’ultima sposata perché obbligato dal padre. Filippo, ai tempi, spedì anche una lettera al figlio per invitarlo a sposarsi. Un modo per salvare la sua reputazione di scapolo. Carlo “Non era innamorato, non era pronto. Ma psicologicamente ha interpretato la lettera del padre come un atto di bullismo e una coercizione”, ha raccontato l’amica Pamela Hicks.

Il Principe ha sempre voluto Camilla, era palese a tutti ma la ragazza, divorziata, era troppo poco casta per i genitori di Carlo. Diana, invece, incarnava il sogno da principessa. Così, Carlo fu costretto a fidanzarsi e poi a sposare quella che sarebbe stata la sua consorte fino al 1992, anno della separazione consensuale. Il rapporto, però, era già incrinato dal 1985. Una crisi inevitabile palesatasi a tre anni dal matrimonio.

Il libro sul Principe Carlo: Diana lo prendeva sempre in giro sul fatto che non sarebbe mai diventato re

Carlo e Diana “Non avevano connessioni intellettuali, amici comuni, interessi comuni e nessuna esperienza di vita condivisa”, scrive la Bedell Smith, “Pesava il divario d’età. A una settimana dal matrimonio scoppiò in lacrime durante una partita di polo ed era così depressa nella tenuta in Scozia della famiglia reale che si tagliò con schegge di vetro di fronte a Carlo. Diana si sarebbe inoltre buttata giù dalle scale quando era incinta di tre mesi, per attirare l’attenzione del marito. A lui mancava il temperamento per aiutarla realmente”.libro sul Principe Carlo

Il matrimonio, quindi, diventò inevitabilmente un matrimonio definito più volte “affollato”.  Da una parte il rapporto continuato con Camilla che, nel frattempo, aveva sposato Andrew Parker Bowles. Dall’altra il rapporto con il capitano James Hewitt della Life Guards in the Household Cavalry e le altre relazioni di cui si è tanto parlato. Dal 1985 i due coniugi hanno cominciato ad avere vite separate.

Diana era solita schernire spesso il Principe Carlo, prendendolo in giro sul fatto che non sarebbe mai diventato re. Lady D lo colpiva in testa, poi, ogni volta che lo trovava in ginocchio a pregare. Insomma, le premesse poco positive hanno avuto subito i loro frutti.

Il libro sul Principe Carlo: Camilla l’amore di una vita

Diana, alla fine, diventò ossessionata da Camilla tanto che questa cosa influì ancor di più sul suo umore. La conseguenza gli sbalzi di temperamento, la depressione, i sentimenti di vuoto e distacco, la bulimia, l’autolesionismo e le paure. Un mix che l’ha fatta denominare la “principessa triste”. Una volta sentì parlottare affettuosamente Carlo a Camilla al telefono e in un’altra occasione trovò un braccialetto con le iniziali “RV” o “Ragazza Venerdì”, il soprannome di Camilla.

La donna è stata, così, definita la causa della separazione dal Principe Carlo. Camilla, però, è sempre stata l’amore della vita del Principe. Dal 1972. Nel 2005, Carlo ha sposato Camilla nel corso di una cerimonia civile a Windsor Guildhall a cui la regina e il principe Filippo non hanno partecipato. Elisabetta II ha riferito che il suo ruolo nella Chiesa d’Inghilterra non le consentiva di partecipare a una cerimonia civile. Dopo tanti anni, finalmente, Carlo ha potuto vivere il suo amore alla luce del sole.