esteri

Kuki Gallmann, la scrittrice paladina degli elefanti ferita in Kenya

ROMA – La scrittrice italiana Kuki Gallmann, 73 anni, è stata gravemente ferita a colpi di arma da fuoco nel suo ranch, a circa 300 chilometri da Nairobi. La donna, ambientalista e nota in tutto il mondo per le sue battaglie in difesa degli elefanti in via di estinzione, è stata colpita mentre stava facendo un giro di pattugliamento nel suo ranch in compagnia del suo autista.

L’incidente

La loro auto si sarebbe fermata a causa di un tronco che impediva il passaggio e quel punto sarebbe scattata l’aggressione. A sparare contro di lei (la scrittrice è stata colpita alo stomaco) potrebbe essere stato un gruppo di pastori che ha invaso la tenuta in cerca di cibo e pascoli per i loro animali, dato che in questo momento il Kenya sta attraversando un prolungato e difficile periodo di siccità. La donna è stata trasportata in elicottero all’ospedale di Nanyuki e poi trasferita in un altro ospedale a Nairobi per essere operata. Al suo capezzale c’è la figlia Sveva, che vive con lei nel loro ranch.

44 anni in Kenya

La scrittrice italiana, naturalizzata kenyota, si trasferì in Kenya tra il 1970 e il 1972 con il secondo marito (di origine svizzera) e decise di stabilirsi lì definitivamente. Ci vive da 44 anni, e non è quasi mai tornata in Italia se non per qualche puntata sporadica. Sempre negli Anni Settanta acquistano il ranch Ol Ari Nyiro, di 400 chilometri quadrati: un’area enorme e verde in cui girano liberamente rinoceronti, elefanti e bufali. Il vice presidente dell’associazione dei contadini di Laikipia, Richard Constant, ha detto che probabilmente a sparare sono stati i pastori della comunità di Pokot che già in passato erano entrati illegalmente nella tenuta della scrittrice.