spettacolo

Timon e Pumbaa hanno una voce. Il live action de Il Re Leone comincia a prendere forma

timon e pumbaROMA – Il live action del Il Re Leone comincia a prendere forma. Secondo i rumors, sembra quasi certo che Seth Rogen e Billy Eichner presteranno le loro voci a Timon e Pumbaa. Entrambi gli attori sarebbero finalizzando gli ultimi dettagli prima di firmare il contratto.

Eichner, comico in ascesa che ha prestato la propria voce nel film I pinguini di Madagascar, sarà Timon. Pumbaa, invece, avrà la voce del più celebre Seth Rogen che delle commedie ha fatto il suo mestiere. Nel film originale del 1994, Nathan Lane è stato Timon, mentre Ernie Sabella Pumbaa.

Tanti i dubbi anche per il resto del cast anche se qualche nome si è già fatto. Donald Glover dovrebbe essere Simba, James Earl Jones – per la seconda volta – Mufasa. L’attore, infatti, ha già interpretato il papà di Simba del cartone originale. Trattative ancora in corso, poi, per avere Beyoncé per il ruolo di Nala.

Le uniche cose certe, insomma, sono il regista – Jon Favreau – e la data di uscita del film: il 19 luglio 2019. La pellicola è già in produzione ma ancora sembra essere presto per un’eventuale conferma del cast.

Timon e Pumbaa a parte, il regista parla della pellicola

Cast a parte, il regista al Tribeca Talks’ Directors Series a New York ha parlato del film e della sua esperienza con Il Re Leone.

“Quando dirigi, devi amare (quello che stai facendo). Devi amarlo al punto di diventarne ossessionato.timon e pumbaaLo devo vivere, respirare, ci devo dormire sopra, sognarlo. Se devo fare la mia miglior opera, devo essere completamente immerso… guardi il materiale e ne sei ispirato, e poi provi ad aggiornarlo ai nostri tempi. Con le cose della Disney, la gente le conosce ancora di più…”. Il compito di rendere un cartone amato da tutti un remake apprezzato, d’altronde, non è mai un’opera semplice.

“Nel caso di Il Re Leone, la gente conosce molto bene l’originale, ci sono cresciuti ed ha avuto un impatto emotivo. Ho pensato, cosa mi ricordo del Re Leone? L’ho fatto anche con il Libro della giungla. ‘Cosa mi ricordo del Libro della giungla? Ricordo Mowgli e il serpente. Ricordo gli occhi del serpente. Mi ricordo che Baloo scendeva lungo il fiume e Mowgli lo cavalcava come una zattera’. Ho fatto una grande lista, e queste sono le immagini di cui avevamo sicuramente bisogno…”.

Con Il Re Leone, però, è ancora più difficile. “Il libro della giungla è uscito 50 anni fa, il Re Leone 20 e la gente ci è cresciuta nell’era delle videocassette che riguardavi continuamente. Devo davvero esaminare tutti i punti della trama. Inoltre, al suo interno i miti sono molto forti. Quello che sto cercando di fare è onorare quello che è…la gente ha delle aspettative”. Per vedere se Favreau porterà a termine la missione, però, bisognerà avere pazienza.