spettacolo

A Roma la presentazione di 2night, il film low budget di Ivan Silvestrini

Roma la presentazione di 2night, il film low budget di Ivan SilvestriniROMA – Lei e lui. Due sconosciuti che in un venerdì sera primaverile si incontrano (e a volte si scontrano) in una discoteca di Roma.

Lei bellissima e determinata, lui affascinante e sfuggente: attrazione, seduzione, sguardi complici, qualche battuta ironica e via in macchina per una manciata di ore insieme prima che faccia giorno e poi…chissà. Questa l’idea, ma, complici i parcheggi introvabili, un tempo che si dilata e un crescente bisogno di intimità non solo fisica, accade che le barriere tra i due si assottigliano e le reali personalità si affacciano dietro le maschere, svelando fragilità e sogni, paure e desideri.

Il film, diretto da Ivan Silvestrini, è stato presentato ieri alla stampa alla Casa del Cinema di Roma. Presenti le nuove stelle del grande e piccolo schermo protagoniste della pellicola, Matilde Gioli e Matteo Martari, e il talentuoso regista di Come non detto.

2night, spaccato degli uomini e delle donne di oggi

“Per me 2night – ha raccontato Silvestrini in conferenza stampa – è stata una sfida e un’occasione per essere il più sperimentale possibile. Trasformare una macchina in un ambiente Roma la presentazione di 2night, il film low budget di Ivan Silvestrinisempre interessante non è cosa immediata”.

La macchina è l’unico set, oltre a Roma, dove i protagonisti si scoprono, non solo a livello fisico. Se 2night, infatti, è la storia di un one night stand, ovvero dell’avventura di una notte, nello scorrere dei 74 minuti si svela qualcosa di più: la psicologia dei due personaggi in costante cambiamento. Due trentenni che rappresentano alla perfezione gli uomini e le donne di oggi e le loro relazioni.

Sempre più spesso, infatti, la donna assume le redini del corteggiamento, senza sentirsi in dovere di attendere che sia l’uomo a compiere il primo passo. Donne sempre più autonome, indipendenti che hanno il coraggio di rischiare e mettersi in gioco senza paura. Di fronte a loro, uomini sempre più titubanti che indugiano a compiere il primo passo e a lasciarsi andare, quasi temessero di non essere all’altezza o di sembrare inopportuni.

2night, perché Roma fa da sfondo alla storia…

Cornice di tutto ciò Roma, città nativa di Ivan Silvestrini. Non poteva essere un’altra città lo sfondo di questa storia perché Roma ha dato ambientazioni difficili da trovare altrove. Poi “se fosse stato ambientato a Verona, il film sarebbe finito dopo 20 minuti perché lì si trova subito parcheggio”, ha scherzato Martari veramente alla guida della macchina che per 14 notti è stata il set. 2night “è una dichiarazione d’amore alla mia città – ha detto Silvestrini – e a quello che si può vivere nella notte”.

Girando per le strade della Capitale, però, ammette “mi sono concesso qualche licenza geografica”. Non deve preoccuparsi, quindi, chi non riconoscerà il percorso che i due protagonisti fanno nella notte. Matilde e Matteo si muovono dalla Roma più mondana a quella più periferica: il Pigneto, dove abita lei. Uno spostamento che evidenzia anche il cambiamento della relazione che, via via, diventa in qualche modo sempre più profonda.

2night, i due protagonisti: Matilde Gioli e Matteo Martari

Roma la presentazione di 2night, il film low budget di Ivan SilvestriniMatilde Gioli e Matteo Martari “sono gli attori più fichi a cui potevo aspirare”, ha scherzato Silvestrini, parlando della scelta dei due protagonisti. La loro adesione ha permesso al film low budget, realizzato in co-produzione con Jando Music, Mounyflour Films e con fondi pubblici e regionali, di suscitare l’interesse da parte di distributori e venditori. Interpreti giovani che si stanno affacciando con successo nel panorama cinematografico e televisivo.

La Gioli, per la prima volta, l’abbiamo vista ne Il Capitale Umano di Paolo Virzì. Per questa interpretazione ha vinto il premio Guglielmo Biraghi ai Nastri D’Argento 2014 e il premio Alida Valli al Bari International Film Festival. Recentemente l’abbiamo vista in The Startup per la regia di Alessandro D’Alatri, in Mamma o papà con Paola Cortellesi e Antonio Albanese. Poi la tv con il nuovo Rischiatutto accanto Fabio Fazio e Di padre in figlia, la serie tv di Rai 1.

Matteo, invece, ha un passato da modello ma il suo talento naturale per la recitazione l’ho ha fatto partecipare a varie serie tv: Non uccidere 1 e 2 con Miriam Leone, Luisa Spagnoli accanto a Luisa Ranieri e Un passo dal cielo 4.

Il personaggio di Matilde in 2night è “una donna forte ma che ha bisogno che lui la corteggi”, ha detto l’attrice. Lei “ha un atteggiamento simile al mio. Parlo sempre, non sto mai zitta. Ho paura come lei dei vuoti”, ha rivelato ancora. Il ragazzo interpretato da Matteo, invece, “è molto umano ma non sono molto simile a lui. È fragile di fronte all’irruenza di questa donna. Non è pronto a lei ma fa del suo meglio”, svela, invece, l’attore.

2night, il trailer

2night si ispira al film israeliano omonimo diretto da Roi Werner nel 2011 ma, grazie all’interpretazione dei due protagonisti, sullo schermo appare una rappresentazione totalmente nuova. Il risultato è al cinema dal 25 maggio. Ecco il trailer.