esteri

Non solo Manchester Arena: nel Regno Unito 12 anni di paura

ROMA – L’attentato alla Manchester Arena è il più grave in Gran Bretagna dal 2005, l’anno zero della paura nel Regno Unito: era il 7 luglio, quando quattro giovani si fecero esplodere in metropolitana e su un autobus uccidendo 52 persone.

Ecco la timeline dei principali attentati in Gran Bretagna degli ultimi anni.

22 maggio 2017

Una o più esplosioni al termine del concerto della cantante americana Ariana Grande alla Manchester Arena: i morti sono almeno 19, i feriti una cinquantina. Possibile che a innescare la detonazione sia stato un attentatore suicida, ma è presto per le conclusioni. La polizia sta indagando.

22 marzo 2017

Khalid Masood, definito dagli agenti “un estremista islamico”, si lancia alla guida di un’automobile sul ponte di Westminster. Armato di coltello, aggredisce i passanti prima di essere freddato dalla polizia. Il bilancio, nel cuore di Londra, è di cinque morti.

16 giugno 2016

La deputata laburista Jo Cox è assassinata a Batley, nello Yorkshire. Quarantuno anni, madre di due bimbi, è accoltellata dal militante di estrema destra Thomas Mair. L’assassinio precede di poche settimane il referendum per la Brexit.

22 maggio 2013

Il fuciliere Lee Rigby è assassinato da Michael Adebolajo e Michael Abebowale, anche loro identificati come “estremisti islamici”. L’omicidio avviene nei pressi di una caserma a Woolwich, a sud-est di Londra. La polizia riferirà di un tentativo di decapitazione.

30 giugno 2007

Due attentatori si lanciano a bordo di un 4×4 contro il deposito di benzina del principale terminal dell’aeroporto di Glasgow. Il bilancio è di un morto e quattro feriti.

7 luglio 2005

Una serie di esplosioni devasta la linea della metropolitana di Londra. Nel complesso perdono la vita 52 persone, mentre i feriti sono centinaia. Il bilancio più grave sulla Piccadilly Line, stazione di Russell Square: 26 morti. Tre degli attentatori sono figli di immigrati pachistani. Anche il quarto è un musulmano, nato in Giamaica. L’attentato sarà indicato con due numeri: 7/7.