fotogallery

EasyJoint, arriva in Italia la cannabis light legale

ROMA – E’ arrivata la “tetraidro-rivoluzione“!
L’Italia ha avviato il commercio di EasyJoint, la cannabis light LEGALE e made in Italy, in vendita nei negozi e online.
Ma cosa si intende per “marijuana leggera”? E quali sono i suoi effetti?

EasyJoint è legale

L’idea non è del tutto originale, viene da Oltraple, dalla Svizzera, più liberale della nostra penisola nei confronti del tema.

La cosiddetta “marijuana light” è una cannabis con contenuti di Thc sotto al limite di legge (meno dello 0,6%).
Il tetraidrocannabinolo (Thc) è una sostanza psicotropa, il maggiore e più noto dei principi attivi della cannabis.
Avendo una così bassa concentrazione, non vi sono gli effetti psicoattivi tipici della marijuana comune.
Per lo stesso motivo, non ci sono problemi nel mettersi alla guida dopo il suo utilizzo.

Non essendo una sostanza stupefacente, inoltre, le tracce di THC eventualmente presenti dopo l’assunzione di EasyJoint non risultano significative in caso di test del sangue o delle urine.

EasyJoint, gli effetti

I livelli di CBD sono mediamente del 4%.
Il CBD, o cannabidiolo, è un’altra sostanza presente nella marijuana, che, a differenza del “fratello” TCH, non è psicoattiva.
Ha comprovati effetti miorilassanti, antipsicotici, tranquillanti, antiepilettici, antiossidanti ed antinfiammatori.

Addirittura “è in fase di sperimentazione come antiepilettico per utilizzo pediatrico. E in alcune ricerche è stato utilizzato a dosi di 800 milligrammi per verificarne il possibile effetto antipsicotico”, oltre ad avere certificate capacità antiansiolitiche. Senza considerare che il prodotto “consentirebbe grande efficacia di rilassamento, combatterebbe il mal di testa, i dolori mestruali e quelli articolari”. L’azienda distributrice aggiunge che “ha un effetto antiossidante utile a chi soffre di malattie degenerative. La si può usare come tisana o in sostituzione del tabacco”.
Eastjoint non è, in ogni caso, da considerarsi un prodotto a scopo terapeutico.

EasyJoint – l’Originale

La varietà scelta per il lancio in Italia è chiamata l’Originale.
Il sito di EasyJoint spiega che si tratta di un’Eletta Campana, italiana, coltivata naturalmente senza utilizzo di alcun additivo chimico, raccolta e lavorata a mano.
Pura infiorescenza femminile di Cannabis Sativa, coltivata naturalmente senza l’impiego di alcun additivo chimico.
E’ un prodotto sostenibile, selezionata e recisa a mano per ottenere la massima qualità, l’essiccazione avviene in maniera naturale e non è forzata per mantenere il massimo contenuto di oli essenziali.

Eletta Campana

Eletta è una varietà Italiana, recentemente riscoperta.
Spiegano i produttori che la sua coltivazione è più naturale nei nostri territori, rendendo possibile la completa assenza di concimi, fungicidi e antiparassitari.

È una varietà dioica, ossia una pianta con i sessi separati. Questo rende possibile sia una lavorazione con l’obiettivo di una produzione senza semi, sia la più facile separazione degli esemplari maschili da quelli femminili. Le nostre infiorescenze sono infatti tutte femminili.
Le infiorescenze femminili dell’Eletta Campana sono ben formate, compatte e contengono un buon quantitativo di resina, superiore alla media delle altre industriali.

Il fiore femminile di Canapa Sativa ha uno dei migliori bouquet di terpeni e oli essenziali così da conferirgli un profumo intenso e un aroma tipico. E’ proprio per mantenere inalterato questo aroma che si è scelto di commercializzare l’infiorescenza tal quale e non grindata (tritata).

Ogni lotto, infatti, presenta alcuni semi, rametti e foglie.

I produttori hanno optato per non tritare il prodotto al fine di non rovinarne la qualità.
La procedura, infatti, spezzerebbe i terpeni ed i terpenoidi, responsabili dell’aroma ed in combinazione con i cannabinoidi di numerosi effetti curativi.

Boom di vendite

La canapa usata viene dalle Marche, dove si trova l’azienda Erbavoglio e, ad oggi, il prodotto si può trovare in 120 negozi.
L’intuizione arriva tra il 2016 ed il 2017 a Luca Marola che, nel 2010, era stato condannato per “istigazione all’uso di droga” dal momento che vendeva semi di canapa, gli stessi della marijuana. Marola è stato poi assolto, dopo una travagliata battaglia giudiziaria.

Lui – che preferisce parlare di assunzione (attraverso, ad esempio, tisane e decotti) più che di combustione – insieme ad un altro socio, sarà responsabile della parte commerciale.

Un compito questo che si prospetta piuttosto impegnativo: il sito internet, accessibile da pochi giorni, ha già ricevuto più di 2000 richieste ed, inizialmente, il sistema di acquisto online, è stato sospeso per 10 ore dalla sua apertura, data la necessità di riorganizzazione (si aveva una media di un ordine ogni 30 secondi).

Nel futuro..

Di certo non si nasconde l’intento di accelerare e coadiuvare il processo di legalizzazione della marijuana in Italia, togliendola al controllo delle mafie. I progetti futuri non si fanno aspettare più di tanto: “In autunno, tempo del raccolto, lanceremo altre varietà che andranno ad allargare la gamma del prodotto”, dicono i soci.

Del resto, il suolo italiano appare particolarmente favorevole: la cannabis verrà coltivata senza fertilizzanti dal momento che cresce nel suo ambiente ideale.

Prezzi

Un barattolo da 17€ contiene 8 grammi abbondanti.
Le spedizioni costano 4,80€ per la posta prioritaria, e 3,30€ in posta standard.

A causa della straordinaria richiesta, lo shop online ufficiale è stato chiuso temporaneamente.
Con un po’ di fortuna si può provare nei rivenditori ufficiali (la lista è in continuo aggiornamento sul sito di EasyJoint).

– Canapalpino, BRIBANO
– New Biogroup Grow Shop Alessandria, ALESSANDRIA
– Greenjoy, MIRA
– Green Revolution, AREZZO
– Joint – Grow, Seed, Head shop, ROMA
– Campo di Canapa, FIRENZE
– Vita Verde Indoor Solutions – Grow Shop, MONSANO
– Green People, VIGEVANO
– Semi Matti – Grow Shop, VARESE
– Made in Canapa, LIVORNO
– Qui Canapa, BOLOGNA