music and future

Moplen, al via “Siamo solo animali” summer tour

ROMA – “Siamo solo animali” (La Fame Dischi / Notturnogiovani) è l’album d’esordio dei MOPLEN, disponibile dallo scorso 28 ottobre su iTunes, Spotify e tutte le principali piattaforme digitali. All’album, è seguito un tour fortunato: dopo aver passato l’inverno a suonare nei club, i Moplen porteranno il loro album d’esordio “Siamo solo animali” sui palchi di vari festival in giro per l’Italia.

I Moplen

I Moplen sono una band di Padova attiva dal 2014, il loro sound attinge a piene mani dalla musica pop, arricchito da synth e da un’anima rock. Una formula musicale che unita all’esuberanza delle loro performance li ha fatti diventare dei veri e propri local hero nella loro città natale.

“Siamo solo animali, l’album d’esordio

“Siamo solo animali” è il loro album d’esordio, un inno a seguire i propri istinti e ad affrontare con più leggerezza le difficoltà che la vita ci mette di fronte. Le nove canzoni fotografano infatti piccoli momenti di vita quotidiana con un occhio divertito e attento, mentre le sonorità smaccatamente pop, influenzate dal background rock della band, lasciano ampio spazio a un sound moderno e fresco in cui i MOPLEN riescono a far convivere contenuto e ritmo. Tutte le strumentali sono state composte ed arrangiate dagli stessi MOPLEN e prodotte da Giacomo Zavattoni di RC Waves tra Perugia, Padova e Milano.

Le prossime date, calendario in aggiornamento:

16/06 – GIARDINI ESTENSI w/ Pan del Diavolo – Varese
25/06 – OSTERIA PONTE SERRA – Feltre (BL)
29/06 – FESTAMBIENTE – Vicenza
07/07 – QUADRIPORTICO DI VICOLO BOLOGNETTI w/ Cosmetic – Bologna
15/07 – RECKLESSRADIO – Padova
19/07 – GUBBSTOCK – Gubbio (PG)
10/08 – ANGURIARA FARA FESTIVAL w/ Willie Peyote – Fara Vicentino (VI)

Battisti, ultimo video estratto

“Battisti” è l’ultimo video estratto. Un brano smaccatamente pop che racconta di un giovane che ogni giorno cerca di combattere l’alienazione della routine quotidiana con la stessa canzone. Il video, girato da Elephant Road, ripercorre questa spirale di ripetitività: un uomo pedala su una cyclette che nonostante gli sforzi non si muoverà mai.