E’ presente sperma nel liquido preseminale, in quale quantità e mobilità?…

Premesso che è stato consumato un rapporto non protetto ma non completo, della durata di alcuni minuti, interrotto per cause esterne, lontano dall’orgasmo.

Buonasera
Vorrei porre un quesito sulla natura di questo liquido. Premesso che è stato consumato un rapporto non protetto ma non completo, della durata di alcuni minuti, interrotto per cause esterne, ben lontano dall’orgasmo dell’uomo, è possibile capire se già dalle prime fasi del rapporto ed eventualmente in quale quantità e motilità sia presente sperma nel liquido preseminale?
Non ho informazioni circa il periodo di fertilità della donna coinvolta.
Il rischio di gravidanza è sensibile oppure piuttosto remoto?
Grazie mille per la vostra attenzione

Andrea, 32 anni


Caro Andrea,
tecnicamente il liquido pre-eiaculatorio, prodotto dalle ghiandole di Cowper, precede la vera eiaculazione, durante i preliminari, e ha una finalità prettamente meccanica: lubrificare l’uretra affinché si crei un ambiente idoneo al passaggio dello sperma. Inoltre mantiene l’ambiente basico, affinché gli spermatozoi possano sopravvivere. Esistono diverse ricerche basate sul dilemma riguardante la presenza o assenza di spermatozoi nel liquido pre-eiaculatorio la cui controversia è ancora aperta. Tutti gli studi sono realizzati in base a una bassa numerosità di soggetti, motivo per cui i risultati di queste ricerche non possono essere completamente generalizzabili.
Gli ultimi studi affermano che nel liquido preseminale non ci sono spermatozoi mobili, e che seppure ve ne fossero piccole quantità, questi non sarebbero in grado di fecondare. Fisiologicamente parlando, non c’è ragione per la quale dovrebbero esistere spermatozoi vivi nel liquido preseminale, dato che essi si trovano nell’epididimo (il serbatoio di immagazzinamento degli spermatozoi) ed escono da lì solo immediatamente dopo l’orgasmo.
L’unica opzione possibile che fa pensare che ci possano essere spermatozoi vivi nel liquido preseminale, è che questi siano potuti rimanere nell’uretra dopo una prima eiaculazione. Se si produce liquido preseminale subito dopo la prima eiaculazione, è possibile che questo liquido trascini i resti presenti nell’uretra, dove gli spermatozoi possono sopravvivere fino a sei ore. Per questa ragione, si raccomanda di avere sempre rapporti protetti fin dall’inizio, soprattutto nel caso di più rapporti consecutivi.
Per cui il rischio di gravidanza con il liquido preseminale dovrebbe essere remota.
Detto questo, per evitare di esporsi a rischi indesiderati potreste confrontarvi sui diversi metodi contraccettivi esistenti in commercio in modo da vivere la sessualità in maniera serena e libera.
Un caro saluto!