spettacolo

Kesha torna con Praying, il brano del riscatto su Dr. Luke

KeshaROMA – Dopo 5 anni di assenza dalla scena musicale, Kesha torna con Praying. Una ballad potente che rappresenta una sorta di riscatto della cantante nei confronti del produttore Dr. Luke.

Kesha torna con Praying nonostante la lunga battaglia legale contro Dr. Luke

Produttore pluripremiato, dietro tanti pezzi famosi di artiste tra cui Katy Perry, Britney Spears, Kelly Clarkson, Miley Cyrus e Avril Lavigne. Questo è sempre stato Łukasz Sebastian Gottwald, in arte Dr. Luke, dal 2005 a stretto contatto anche con Kesha. Il loro un rapporto che si è incrinato nel 2014 quando l’interprete di Tik Tok lo ha accusato ufficialmente di violenza sessuale e psicologica. Kesha ha confessato di essere stata oggetto di molestie continue e ha chiesto al giudice di rescindere il contratto che la legava al produttore.

Analizzato il contesto, il giudice ha deciso di respingere la richiesta di Kesha, spiegando che non ci sono elementi sufficienti per confermare le accuse. In più “non esistono prove di un danno irreparabile” nei confronti dell’artista. Una sentenza dura da affrontare che Kesha, allora, ha ascoltato in lacrime. Tanti gli artisti che si sono schierati con lei. Tra questi Lady Gaga che ha sostenuto la collega sui social. Taylor Swift, invece, ha donato alla cantante 250.000 dollari per tenere vivo il processo.

La battaglia per dimostrare la colpevolezza del produttore Kesha non l’ha ancora chiusa. La trentenne ha anche pubblicato le mail a conferma di quanto afferma. Tra le righe anche offese dirette al desiderio della cantante di cambiare il testo di Crazy Kids (Non me ne frega un c…o di quello che vuoi. Se avessi del cervello la canteresti e basta). Mail che Dr. Luke ha cercato di smentire tramite i suoi avvocati.

Kesha torna con Praying: il lungo percorso per uscire dal buio

Per Kesha non sono stati anni facili. Ha affrontato una dura depressione. L’unico modo per dire la sua e liberarsi da quel peso non poteva che arrivare con una canzone.

Ed è Kesha stessa a raccontare quel periodo: “È dai momenti più bui che troviamo la forza. Ci sono stati tanti giorni, persino mesi, in cui non volevo neanche uscire dal letto. Passavo tutto il giorno con il desiderio di tornare a dormire e quando lo facevo dormivo sul serio. La notte avevo incubi terribili dove l’unica cosa che potevo fare era urlare e piangere nel buio. Ma mi sono trascinata fuori dal letto e ho portato le mie emozioni in studio per farle diventare arte”. Così è nata Praying e così è nato Rainbow, il nuovo album dell’artista in uscita l’11 agosto. Un lavoro che, alla fine, l’ha resa orgogliosa: “Non sono mai stata più felice di uno dei miei lavori come lo sono di questo album”.

Praying “parla del sentire empatia per qualcuno anche se ti fa male o ti spaventa. È una canzone sull’imparare ad essere orgogliosi della persona che sei anche nei momenti in cui sei più giù e ti senti solo”. Per questo, continua Kesha, “spero che questa canzone aiuti le persone che sono nel mezzo di qualche battaglia, per fargli sapere che non importa quanto brutto sembri ora, potete affrontarla. Se hai l’amore e la verità dalla tua parte, non potrai mai essere sconfitto. Non rinunciate a voi”.

All’inizio del video Kesha sembra, invece, arrendersi alla vita e chiede a Dio di farla morire. Poi, anche se lentamente, capisce che bisogna rialzarsi – più forti di prima – dopo una sconfitta. Una consapevolezza che la fa pregare per l’anima di chi le ha fatto male, affinché possa cambiare. Non solo per se stessa. È una rinascita dalle ceneri e una ripartenza. Questo sarà Rainbow per la cantante. Lo si può notare già dalla voce di Kesha in Praying che si distacca dai precedenti lavori dell’artista.

Kesha torna con Praying: il testo

[Verse 1]

Well, you almost had me fooled
Told me that I was nothing without you
Oh, but after everything you’ve done
I can thank you for how strong I have become

[Pre-Chorus]

‘Cause you brought the flames and you put me through hell
I had to learn how to fight for myself
And we both know all the truth I could tell
I’ll just say this is I wish you farewell

[Chorus]

I hope you’re somewhere praying, praying
I hope your soul is changing, changing
I hope you find your peace
Falling on your knees, praying

[Verse 2]

I’m proud of who I am
No more monsters, I can breathe again
And you said that I was done
Well, you were wrong and now the best is yet to come
‘Cause I can make it on my own
And I don’t need you, I found a strength I’ve never known
I’ve been thrown out, I’ve been burned
When I’m finished, they won’t even know your name

You brought the flames and you put me through hell
I had to learn how to fight for myself
And we both know all the truth I could tell
I’ll just say this is I wish you farewell

[Chorus]

I hope you’re somewhere praying, praying
I hope your soul is changing, changing
I hope you find your peace
Falling on your knees, praying

[Bridge]

Oh, sometimes, I pray for you at night
Someday, maybe you’ll see the light
Oh, some say, in life, you’re gonna get what you give
But some things, only God can forgive

[Chorus]

I hope you’re somewhere praying, praying
I hope your soul is changing, changing
I hope you find your peace
Falling on your knees, praying