spettacolo

Magic Johnson e Samuel L. Jackson scambiati per migranti, sul web impazzano ironia e polemiche

Magic Johnson e Samuel L. JacksonROMA – Magic Johnson e Samuel L. Jackson. Il primo un ex campione dell’Nba. Il secondo uno degli attori preferiti da Quentin Tarantino e star internazionale. Conosciutissimi ma forse non da tutti. I due, infatti, all’indomani del Ferragosto sono stati scambiati per migranti a Forte dei Marmi dove si trovavano in vacanza. Strano ma vero, a distanza di giorni il web ancora impazza  per l’accaduto. Immancabili l’ironia e le polemiche colme di pregiudizi.

Magic Johnson e Samuel L. Jackson, storia di due “migranti” sul web

A postare la foto l’ex campione Nba, inconsapevole di quello che sarebbe accaduto da lì a poco. Una panchina, buste frutto di uno shopping sfrenato e tanto relax.

Tutto è cominciato, però, per opera di Luca Bottura, autore comico, che sui social ha deciso di condividere l’immagine delle due star e fare un esperimento. Ben riuscito con il senno di poi.

“Risorse boldriniane a Forte dei Marmi fanno shopping da Prada coi 35 euro. Condividi se sei indignato!”. È questa la frase che ha accompagnato la foto e che ha fatto il giro della rete. Il risultato una valanga di commenti a cui ormai il web è abituato.

Magic Johnson e Samuel L. Jakson, anche Nina Moric nel calderone della polemica

Come se non fosse bastato, ad animare il fuoco della polemica ci ha pensato Nina Moric che ha partecipato alla discussione ripubblicando la foto incriminata. “Vedere – si legge sul profilo Facebook della showgirl – anche in località turistiche come Forte dei Marmi e Milano Marittima immigrati che bivaccano sulle panchine con i nostri 35 euro è veramente troppo”.

Tra i seguaci della Moric c’è chi non abbocca c’è chi ha creduto alla versione dei tanto famosi 35 euro con cui i poveri migranti farebbero la bella vita, influenzato forse dalla simpatia della showgirl per Casapound. Tra migliaia di condivisioni, risposte e reazioni, l’argomento si fa scottante. È così che Nina Moric ha scelto di precisare: “A questo punto, giusto per far vergognare ancora di più le decine di migliaia di persone che stanno condividendo la mia battuta spacciandolo per una gaffe,  – ha scritto – vi racconto che nel 1998 prima del video con Ricky Martin, a Los Angeles feci una pubblicità di una nota marca di patatine con Dennis Rodman e Magic Johnson. Continuate a scrivere cattiverie, io continuo ad amarvi tutti”. A cascare nel “gioco” della Moric anche i politici, Emanuele Fiano del PD in primis. E se le battute tra gli utenti si sprecano, sembra senza fine la discussione sulla foto e sul significato travisato che la maggior parte delle persone aveva dato.

“Sono in grado di stilare un paio di statistiche – ha concluso Bottura -. La prima: il 40 per cento ha capito la provocazione, il 30 per cento si è indignato davvero e un 20 per cento ha creduto che fosse un reale meme razzista e io non avessi riconosciuto Samuel Jackson e Earvin ‘Magic’ Johnson”. Insomma, ancora una volta le fake news hanno vinto sul web. E c’è da preoccuparsi!