spettacolo

L’arroganza di un atleta e il suo cambiamento al cinema con Tiro Libero

tiro liberoROMA – Alessandro Valori (Radio West, Come saltano i pesci) torna dietro la macchina da presa con Tiro Libero, in uscita al cinema il 21 settembre.

Tiro Libero è la storia di un cambiamento, di un venticinquenne fortunato ma tanto arrogante da sfidare persino Dio, e Dio raccoglie la sfida mettendolo alla prova e aprendogli gli occhi sul senso delle cose. È  anche la storia di un amore che nasce tra due coetanei apparentemente così diversi, inaspettato e improvviso. È una storia di coraggio, sport e solidarietà, che mette in luce i veri “campioni” nella vita.

Il film è prodotto da Rainbow e Linfa Crowd 2.0. Nel cast Simone Riccioni, Antonio Catania, Maria Chiara Centorami. Poi Biagio Izzo, Paolo Conticini, Marianna Di Martino, Jacopo Barzaghi, Carlton Myers, Carlo Recalcati e Luca Vitali. Con la partecipazione straordinaria di Nancy Brilli.

Tiro Libero, la trama

Dario ha 25 anni, è bello, ammirato da tutti e leader, pieno di fan, di una squadra di basket. È un ragazzo arrogante e spocchioso che non avrebbe mai immaginato che tipo ti prova la vita gli chiederà di superare. Durante una importante partita di campionato, improvvisamente cade a terra: gli viene diagnosticata la distrofia muscolare. In lui esplode un senso di sconforto misto a rancore non riuscendo ad accettare nemmeno l’aiuto e l’affetto della sua famiglia. A questo si aggiunge la condanna, per aver insultato e umiliato una ragazza che gli aveva sfiorato il suv,  a svolgere un’attività sociale presso  un centro di riabilitazione per disabili: allenerà la squadra di basket di un gruppo di ragazzi in carrozzina. Al centro incontra Isabella, una volontaria, con cui si scontrerà subito… ma come tante volte accade, da uno scontro nasce anche una scintilla. Per Dario è arrivato il momento, e l’occasione, di cambiare.