Terremoto, inaugurata a Camerino nuova scuola Salvo D'Acquisto

Terremoto, inaugurata a Camerino nuova scuola Salvo D’Acquisto

Ancona – “Un grande passo verso la normalita'”. Sono le parole dell’assessore regionale alla Protezione Civile delle Marche Angelo Sciapichetti oggi a Camerino per l’inaugurazione della nuova scuola primaria Salvo D’Acquisto. Una struttura, che ospitera’ 250 ragazzi in 15 classi, realizzata seguendo le piu’ recenti normative antisismiche e dotata di dissipatori per garantire la massima sicurezza possibile.

“Ieri abbiamo riaperto la cartiera di Pioraco dando l’opportunita’ a 150 operai di tornare al lavoro, oggi inauguriamo le scuole di Camerino e Sarnano- dice Sciapichetti-. Sono passi importanti per un ritorno duraturo delle comunita’ locali in questi Comuni. Abbiamo dimostrato che, lavorando insieme, le istituzioni (Comune, ministero e Regione) raggiungono importanti risultati facendo cose concrete, stando vicine alle persone per dare coraggio e vincere la battaglia piu’ importante: riportare nei luoghi feriti dal sisma la vita com’era prima e ancor piu’ sicura”.

All’inaugurazione erano presenti, tra gli altri, le Autorita’ civili e religiose, l’arcivescovo Francesco Giovanni Brugnaro, il sindaco di Camerino Gianluca Pasqui, il Rettore dell’Universita’ di Camerino Flavio Corradini, la vice preside della scuola Iole Alma e i rappresentanti della ditta esecutrice. “La forza del futuro sono i bambini- dice Pasqui- oggi sono emozionato come loro e sono felice di esserlo. Un grazie va a tutti quelli che hanno permesso questo grande risultato. Questo gioiello e’ anche il risultato dell’attenzione del presidente Ceriscioli, dell’assessore Sciapichetti e di tutto il governo regionale. Non ci hanno mai lasciato soli. Ora guardiamo avanti. Ieri il direttore della Protezione Civile nazionale Angelo Borrelli mi ha chiamato: il progetto per la ricostruzione di Piazza Cavour e’ stato firmato. Avremo presto un altro tassello importante per il ritorno alla normalita'”.

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it