Fuori domani “IL CIELO DI SOTTO”, primo disco di DANIELE COCCIA PAIFELMAN

Photo Credit: Paola Panicola

Roma – Tra i nomi dei cantautori italiani più interessanti e creativi degli ultimi anni c’è sicuramente quello di Daniele Coccia. Vincitore a settembre della Targa MEI 2017 Super Band come miglior cantante, autore nel 2016 del libro di poesie “Resistenza da Camera” e già conosciuto come fondatore de Il Muro del Canto, Surgery e Montelupo, Daniele Coccia oggi aggiunge al suo cognome quello della madre, “Paifelman”, per il disco d’esordio da solista intitolato “Il Cielo di Sotto”. Fuori domani, l’album è prodotto da Piotta ed Emiliano Rubbi per la label indipendente La Grande Onda e La Zona ed è scritto assieme ad Eric Caldironi.

Ad anticipare l’uscita del disco è l’omonimo video singolo “Il Cielo di Sotto”: “Un valzer sull’emancipazione dal dolore, un tentativo di fuga metafisico nell’amore, anche quello non corrisposto”.

Daniele Coccia Paifelman – Il cielo di sotto

IL DISCO

Il nuovo lavoro discografico è per Daniele Coccia Paifelman il ritorno alla lingua italiana dopo tre album in dialetto con Il Muro del Canto.

I testi sono originali e mai scontati, affrontano la vita, la morte e l’amore attraverso metafore ispirate al mondo bellico. Le battaglie e la guerra rappresentano la durissima quotidianità; il fronte, la prima linea, la trincea simboleggiano il coraggio e la forza necessari all’essere umano per combattere nel buio pesto di questa nuova era.

Un disco di 12 tracce ispirato, che prende le distanze dalla stretta attualità, che guarda spesso indietro, alla scuola dei grandi cantautori italiani: su tutti, Fabrizio De André, ma anche Paolo Conte, Luigi Tenco e Piero Ciampi. Numerose anche le influenze oscure, di matrice folk a stelle e strisce.

 

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it