Mi assale un dubbio: amo non amo il mio ragazzo?…

Ultimamente sono presa dalle paranoie, dalle ossessioni. Un giorno di un mese fa, di punto in bianco mi assale un pensiero che mi dice: amo non amo il mio ragazzo. Premetto che stiamo insieme da un anno, fatti pochi giorni fa, il giorno più bello della mia vita, l’anno più bello della mia vita, mi sono legata tantissimo a lui so cosa provo, so quanto ci sto bene. Ma da quel momento sono iniziati per me dei pensieri ossessivi che quando non stiamo insieme e non ci sentiamo mi assalgono, quando invece stiamo insieme sono davvero felice. Quindi, quando non stiamo insieme da un momento che mi viene spontaneamente il pensiero di quanto lo amo, quanto ci sono affezionata , quanto amo i nostri gesti, le nostre coccole, di contrario subito dopo ci sono dei pensieri che mi dicono: non lo ami, lo odi , non ti piace, lascialo
Sto davvero male perché non capisco tutti questi pensieri negativi che arrivano e Che non provo, cerco risposte ovunque, cerco di tranquillizzarmi ma dietro l’angolo so di avere questi pensieri ossessivi che mi fanno illudere di qualcosa che non c è . So di amare il mio ragazzo e ho davvero tanta paura di perderlo per tutto questo 🙁 aiutatemi
Vorrei precisare che io ho avuto un disturbo d’ansia che ho curato per due anni e da circa un mese diciamo che ho finito le sedute perché ho ritenuto di stare bene davvero, non so se questo possa influire, magari sulle mie paure o delle piccole ossessioni.

Veronica, 19 anni


Cara Veronica,
l’amore talvolta può essere accompagnato da fasi di dubbio e insicurezza, un legame affettivo come quello che lega due partner mette in gioco profondamente se stessi e il modo in cui ci si rapporta agli altri, per questo ci possono essere dei momenti di crisi, ci sembra che possa essere importante trovare la strategia più utile per te per affrontare tale crisi.
Da quello che scrivi la relazione che ti lega a questo ragazzo è importante e quando state insieme racconti che vivete situazioni piacevoli che ti mettono a tuo agio, i dubbi sorgono quando non c’è lui, ci chiediamo quindi che rapporto hai con la solitudine? e con la tematica della lontananza e del controllo?
Ci possono essere infatti nella vita di ognuno delle situazioni che più di altre ci fanno dubitare di noi stessi e dell’altro, magari frutto di esperienze precedenti che vanno ancora elaborate. Se come dici in passato ti è stato utile fare riferimento ad una psicoterapeuta ci sembra che possa essere un luogo importante in cui tornare per capire e affrontare le tematiche di cui ci scrivi.
Speriamo di esserti stati di aiuto.
Un caro saluto!