tech

Buon compleanno SMS: 25 anni fa l’invio del primo messaggio

Roma – Quest’anno l’ormai sorpassato ‘Short Message Service’, compie 25 anni. I classici messaggi testuali integrati in un qualunque tipo di telefono, sia esso un classico telefonino oppure un moderno smartphone, e che possono essere inviati da un device ad un altro per mezzo di un’operatore telefonico, festeggiano oggi 25 anni.

Il 3 dicembre 1992 infatti, l’ingegnere Neil Papworth inviò il primo SMS della storia, nel quale augurava un ‘Felice Natale’ all’allora direttore della Vodafone, Richard Javis. I messaggi di testo, hanno cambiato radicalmente il nostro modo di comunicare. Proprio come recita il nome, l’SMS poneva dei limiti riguardo alla stesura del testo.

Ogni messaggio testuale infatti, doveva sottostare al limite di 160 caratteri e questo dato, se combinato al costo di ogni singolo messaggio, rappresentava un vero e proprio problema. I più giovani allora, tra i quali gli SMS hanno preso subito piede diventando in pochissimo tempo il principale mezzo di comunicazione, hanno presto scoperto un modo per inviare messaggi più lunghi al costo di un unico SMS.

La chiave, fu proprio quella dell’abbreviazione delle parole o in alcuni casi addirittura dell’invenzione di nuove parole. Il primo servizio di messaggistica, fu lanciato in Inghilterra nel 1994 dal gestore Vodafone. Nonostante gli SMS fossero gratis, questi non potevano essere inviati ad utenti che non fossero Vodafone.

Soltanto dal 1999, fu possibile inviare e ricevere messaggi da utenti abbonati ad altri gestori. Gli SMS, hanno conosciuto il loro momento di massimo splendore negli anni 2000, quando inviare un messaggio costava molto meno di una chiamata. E’ stato però tra il 2010 e il 2013, che gli SMS hanno raggiunto il picco di utilizzo. Fino al loro attuale crollo, causato dall’avvento di applicazioni di messaggistica istantanea come il famosissimo ‘Whatsapp’.

 

Fonte www.moneycontrol.com